Andrea Fanti AD Labanti e Nanni
Andrea Fanti, AD Labanti e Nanni

L’azienda di Anzola Emilia collabora ancora una volta con l’iniziativa che unisce arte ed etica

Il senso di Labanti e Nanni per l’arte passa anche da Arte Fiera 2024. L’azienda di Anzola Emilia, punto di riferimento della grafica industriale e della cartotecnica, sarà di nuovo a fianco del progetto do ut do, il contenitore di iniziative culturali dell’Associazione Amici della Fondazione Hospice Seràgnoli, durante la 50esima edizione di una delle fiere d’arte contemporanea più importanti in Italia.

La partnership si focalizza sulla realizzazione del volume “In Coscienza”, tema scelto dall’organizzazione benefica per la partecipazione ad Art City Bologna, che vede il coinvolgimento di 13 artisti per esplorare, attraverso le loro diverse interpretazioni, questo poliedrico argomento.

Fondata a Bologna nel 1953, Labanti e Nanni è oggi tra i leader del packaging industriale e della cartotecnica, con una capacità produttiva che punta a superare le 10.000 tonnellate annue entro il 2025, e una piattaforma di offerta che va dal packaging di astucci in cartoncino teso e cofanetti, fino a dépliant, cataloghi, volumi e riviste.

Le nostre produzioni sono, nel loro piccolo, espressioni artistiche – spiega Andrea Fanti, AD e Direttore Commerciale di Labanti e Nanni – uniscono creatività, innovazione e attenzione alla sostenibilità ambientale. Siamo orgogliosi di tornare a collaborare con il progetto culturale do ut do durante Art City Bologna, contribuendo così, attraverso la cultura del dono, a sostenere cause importanti per il nostro territorio come i servizi assistenziali offerti dalla Fondazione Hospice Seràgnoli. Per la realizzazione del volume In Coscienza abbiamo scelto una delle carte più prestigiose che garantisce colori di stampa intensi e brillanti, grazie anche alla lavorazione dei nostri macchinari all’avanguardia”.