Incontri psicologi ER

Gli appuntamenti organizzati dall’Ordine degli Psicologi dell’Emilia Romagna sono in programma sabato 16 ottobre

Cosa è cambiato sui luoghi di lavoro dopo il Covid-19 e qual è stato il contributo degli psicologi? E come bambini e adolescenti hanno risposto alla pandemia? 

Se ne parlerà a Bologna sabato 16 ottobre in due incontri organizzati dall’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna con il patrocinio del Comune di Bologna, nell’ambito della Giornata Nazionale della Psicologia, appuntamento annuale che accende i riflettori su temi di interesse psicologico attraverso incontri che si tengono su tutto il territorio nazionale.

Nel primo evento, dal titolo “La sicurezza sul lavoro, la tutela della salute nei luoghi di lavoro – Cosa è cambiato con la pandemia?” in programma dalle 10 alla Fondazione Cardinale Giacomo Lercaro (Aula I) in Via Riva di Reno, 57, dopo l’apertura dei lavori di Gabriele Raimondi, presidente dell’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna,si parlerà dell’impatto della pandemia sui lavoratori e sulle aziende, e in particolare delle iniziative messe in atto nella nostra Regione con Morena Diazzi, direttore generale “Economia della conoscenza, del lavoro e dell’impresa” della Regione Emilia-Romagna. Marco Mariani, professore associato di Psicologia del Lavoro e delle organizzazioni all’Università di Bologna, affronterà il tema “Pandemia e sicurezza sul lavoro: prospettive dalla ricerca in psicologia”. Il presidente CUP (Comitato Unitario delle Professioni intellettuali degli Ordini e dei collegi professionali) Emilia-Romagna Alberto Talamo parlerà del contributo dei liberi professionisti nel contesto aziendale in periodo di pandemia, mentre Sergio Sangiorgi, psicologo del Gruppo di Lavoro OPER “Psicologia del Lavoro” interverrà sul contributo dello psicologo del lavoro nella ripresa post-pandemia.

Seguiranno “No Crash”, un progetto di musica, danza e architettura sulla dignità e sicurezza sul lavoro della compositrice Paola Samoggia e una tavola rotonda con i relatori. 

Nel secondo incontro, dal titolo “Il disagio psicologico infantile-adolescenziale e le nuove prospettive di politiche giovanili” in programma dalle 16 alla Sala Conferenze del Mambo in via Don Giovanni Minzoni, 14, si parlerà invece di come bambini e adolescenti hanno affrontato la pandemia. 

In particolare, dopo l’apertura dei lavori del presidente OPER Gabriele Raimondi e i saluti istituzionali di Elly Schlein, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, il responsabile dell’U.O. Di Psichiatria e Psicoterapia dell’età evolutiva – Dipartimento Salute mentale AUSL di Bologna Stefano Costa interverrà su “La risposta di bambini e adolescenti alla pandemia”. Gli psicologi e psicoterapeuti Monia Ciriello e Nicola Corrente del Gruppo di Lavoro OPER “Psicologia e Tutela Minori” parleranno infine di “Essere e fare i bambini in tempi di pandemia”.

In Emilia-Romagna, l’Ordine degli Psicologi ha organizzato sette eventi in cinque diverse province fino a lunedì 18 ottobre a cui parteciperanno rappresentanti dell’Ordine degli Psicologi regionale, delle istituzioni e del mondo sanitario e associazionistico. 

«Il nostro obiettivo è riportare la psicologia vicino al cittadino – spiega il presidente degli psicologi ER Gabriele Raimondi in un periodo in cui le emergenze di carattere medico-sanitario hanno necessariamente avuto la priorità. Dialogheremo con gli attori dei diversi contesti territoriali per rispondere al meglio alle necessità emergenti». 

Gli eventi sono aperti ai cittadini con Green Pass. Per partecipare è necessario iscriversi su www.ordinepsicologier.it