Assessore Salomoni incontro Imola
L'incontro in Comune a Imola (Ufficio Stampa Regione Emilia Romagna)

Nel territorio già connesse in fibra ottica 10 aree produttive e 1 scuola su 4: saranno tutte collegate entro il 2022. 267 i punti di accesso al wifi pubblico

I progressi nei lavori per la connettività, la trasformazione digitale della pubblica amministrazione, la nascita o il rafforzamento di aziende a forte vocazione tecnologica.

L’assessore all’Agenda digitale Paola Salomoni ha iniziato, con un tour nel Nuovo Circondario imolese, una serie di appuntamenti nei territori per confrontarsi con le comunità locali sull’avanzamento dell’Agenda digitale regionale “Data valley bene comune”.

La diffusione della banda larga è sicuramente il tema principale della giornata: l’assessore lo ha affrontato prima di tutto in un incontro questa mattina con tutti i sindaci o loro rappresentanti dei dieci Comuni del Circondario, a partire dal Presidente del Circondario e primo cittadino di Imola Marco Panieri. Il Nuovo Circondario Imolese a inizio 2021 ha avviato il percorso, seguendo l’esempio di altri territori, per dotarsi di un’Agenda digitale locale, lavorando per individuare i progetti da realizzare in maniera prioritaria all’interno dell’impianto regionale “Data Valley bene comune”.

Perché la nostra Agenda digitale riesca ad apportare un vero cambiamento, è fondamentale che i cittadini la facciano propria– afferma l’assessore Salomoni -: il protagonismo dei territori che sviluppano una propria Agenda digitale locale ci aiuta in maniera significativa a coinvolgere la popolazione nella trasformazione tecnologica, e quello di Imola è sicuramente un esempio virtuoso. Confrontandoci con le amministrazioni, che a loro volta hanno avviato strumenti di partecipazione tra i residenti e le imprese- conclude l’assessore- possiamo declinare la nostra Data valley bene comune nella maniera che sia più di beneficio a ogni portatore di interesse”.

“La Regione Emilia-Romagna sta lavorando molto bene sul tema dell’innovazione digitale – spiega Marco Panieri, presidente Nuovo Circondario Imolese e sindaco di Imola – In questo contesto, il Circondario Imolese, grazie anche al lavoro di chi mi ha preceduto, ha avviato un nuovo piano strategico che vede una rinnovata attenzione alla digitalizzazione, con l’aggiornamento del proprio sito, l’adozione di strumenti digitali come PagoPA, App Io e Spid, e la rigenerazione dei siti esistenti dei nostri Comuni. Un’attenzione particolare andrà posta a connettere le aree non servite nel territorio circondariale, al potenziamento del turismo digitale ed al rafforzamento della formazione”.

Dopo il dialogo con gli amministratori, fanno parte del programma la visita a due consolidate realtà produttive del territorio che investono in maniera significativa in ricerca e tecnologia, Sacmi e Tor Meccanica; un’altra tappa è Acantho, la digital company del gruppo Hera che si occupa dello sviluppo di una rete proprietaria a banda ultra larga che serve le principali città della Romagna; infine una start-up come MyAppFree, specializzata in user acquisition e che nel 2020 si è aggiudicata il bando StartUp Innovative della Regione.

Grazie all’Agenda digitale locale, a Imola e circondario nel giro di pochi mese è stato istituito un Tavolo di negoziazione, a cui partecipano le amministrazioni locali insieme ai rappresentanti delle parti sociali, e si sono avviati processi di partecipazione tra i cittadini, in particolare i più giovani: alla fine dell’anno scolastico le classi degli ultimi due anni delle scuole superiori della zona sono state coinvolte in una serie di iniziative intorno alle materie STEAM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Arti e Matematica), per capire quanto è diffuso l’interesse nei loro confronti, se vengono prese in considerazione per gli studi universitari e gli sbocchi professionale e infine per verificare se sia coinvolte anche le ragazze, in un’ottica di parità di genere digitale.

La diffusione della connettività nel Circondario imolese

Attualmente sono dieci le aree produttive connesse in fibra ottica nel territorio imolese e altrettanti i municipi. Per quanto riguarda le scuole sono già collegate ad 1 Giga/bps alla rete regionale Lepida il 24% delle scuole secondarie di secondo grado, il 24% delle secondarie di primo grado e il 14% delle scuole primarie, e sono pianificati interventi per il collegamento di tutte le scuole, di pianura come di montagna, entro il 2022. I punti di accesso alla rete pubblica regionale EmiliaRomagnaWiFi sono 267 in tutto il territorio imolese, che equivale a 2 punti wifi ogni 1.000 abitanti.