I tre malviventi sono stati posti agli arresti domiciliari (Fonte Ufficio Stampa Carabinieri)

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Bologna hanno arrestato tre persone residenti a Bologna durante i servizi di controllo del territorio

Un 42enne italiano è stato arrestato per tentato furto aggravato nei pressi del Parco Lunetta Mariotti mentre stava forzando il lucchetto di chiusura di una bicicletta, nel tentativo di rubarla.

Un 19enne cingalese e un 26enne tunisino, invece, sono stati arrestati per aver tentato un colpo ai danni dei garage condominiali di una palazzina di via Ermete Zacconi. Scoperti da un cittadino che li aveva colti in flagranza di reato, i due malviventi lo hanno preso a pugni e minacciato: “Fatti i cazzi tuoi!, Ti ammazzo!, Ti stupro la figlia! So dove abiti, vengo a casa tua e ti ammazzo!”.

Grazie all’operazione “Strade Sicure” dei Carabinieri della Stazione Bologna Navile e dei militari del 121° Reggimento Artiglieria Contraerea “Ravenna” che si trovavano in zona per i consueti controlli del territorio, i due criminali sono stati fermati e tratti in arresto con l’ausilio di altre due pattuglie del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Bologna, accorse velocemente sul posto in aiuto dei colleghi.

Uno dei militari è rimasto ferito per la resistenza opposta da uno dei due ladri che voleva dileguarsi. Soccorso dai sanitari del 118, il Carabiniere ha riportato cinque giorni di prognosi. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, i tre criminali, gravati da precedenti di polizia, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.