Imola adesione giornata fibromialgia
(Ufficio Stampa Comune di Imola)

Un fascio di luce proiettato dal Palazzo Municipale in segno di adesione all’iniziativa internazionale

Ieri sera un fascio di luce color viola, con il logo della Giornata mondiale della Fibromialgia, che si celebra il 12 maggio, è stato proiettato dal municipio su piazza Matteotti, in segno di adesione del Comune di Imola all’iniziativa internazionale. La giunta comunale ha infatti accolto la proposta di aderire all’iniziativa “Facciamo luce sulla fibromialgia”, quale azione di sensibilizzazione sul tema, proposta dal Comitato Fibromialgici Uniti – Italia odv, allo scopo della divulgazione e riconoscimento di questa patologia.

In piazza Matteotti, ieri sera hanno presenziato alla proiezione del logo della Giornata mondiale della Fibromialgia i rappresentanti del Comitato organizzatore, il vice sindaco Fabrizio Castellari e l’assessore al Welfare, Daniela Spadoni, a nome dell’Amministrazione comunale.

“L’Amministrazione comunale è contenta di avere partecipato in modo attivo all’evento “Facciamo luce sulla Fibromialgia”, per questo motivo ringraziamo il Comitato Fibromialgici Uniti – Italia odv che ci ha invitato ad illuminare la piazza con il logo della Giornata. E’ tempo che la Fibromialgia sia riconosciuta come patologia cronica e invalidante e che sia inserita nei LEA (Livelli essenziali di assistenza), perché di questo si tratta: è una malattia debilitante che gravemente compromette la qualità della vita. La nostra attenzione  va alle persone che ogni giorno devono convivere con questa patologia, alle loro difficoltà  nella quotidianità e soprattutto sul lavoro e alla necessità di cure continue. Speriamo che questa celebrazione serva per accelerare il lavoro da parte delle autorità nazionali, perché al più presto sia inserita questa patologia nei livelli essenziali di assistenza” – sottolinea Daniela Spadoni.

Ricordiamo che la Fibromialgia è una condizione clinica caratterizzata da dolore muscoloscheletrico cronico e diffuso, spesso associata a stanchezza, disturbi del sonno, problemi cognitivi (es. di attenzione, di memoria), problemi psichici (es. ansia, depressione), e ad un ampio insieme di sintomi somatici e neurovegetativi che possono avere un rilevante impatto sulla qualità di vita dei pazienti.

La Regione Emilia-Romagna ha istituito un gruppo tecnico di lavoro multidisciplinare con l’obiettivo di proporre da un lato, sintetiche indicazioni rispetto alla diagnosi e trattamento appropriati della fibromialgia e dall’altro, un percorso per la presa in carico integrata multidisciplinare delle persone affette da fibromialgia in Emilia-Romagna.