Foto repertorio carabinieri
(Foto di repertorio - Ufficio Stampa Carabinieri)

Il giovane è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a un pubblico ufficiale

Il giovane è finito in manette durante un servizio antidroga che i militari stavano facendo, in abiti civili, per le strade di Crevalcore. Alla vista del giovane che si stava aggirando con fare sospetto nei pressi di un androne condominiale, i Carabinieri sono intervenuti qualificandosi e lui per evitare il controllo, gli ha scaraventato contro la sua bicicletta, ha dato un pugno in faccia a un militare ed è fuggito a piedi.

Inseguito e raggiunto, il giovane, identificato in un 26enne marocchino, disoccupato e domiciliato a Crevalcore, è stato sottoposto a una perquisizione personale e domiciliare che ha consentito di trovare una decina di grammi di droga (hashish e cocaina), del materiale adatto alla pesatura e al confezionamento della sostanza stupefacente e un migliaio di euro in contanti.

Il Carabiniere che ha ricevuto il pugno in faccia è stato visitato dai sanitari del 118. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il 26enne marocchino è stato trattenuto in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.