Castel Maggiore pubblica asssistenza benemerenza
La Pubblica Assistenza Croce Italia (Ufficio Stampa Comune di Castel Maggiore)

Ape d’Oro a Pubblica Assistenza Croce Italia, tra gli sportivi premiati il portiere del Bologna FC, Federico Ravaglia, e la nuotatrice Petra Biondi

Una larga partecipazione ha segnato la manifestazione che quest’anno è tornata ad assegnare le benemerenze civiche –  Ape d’oro e Ape d’argento: un riconoscimento che indica alla pubblica stima comportamenti virtuosi, allo scopo di rafforzare il legame sociale e culturale tra i cittadini, perché come ha detto il sindaco Belinda Gottardi “sentirsi parte della città aiuta ad amare il luogo in cui si vive, e stringendo sempre più questo legame si ottengono comportamenti sempre più virtuosi”.

La manifestazione è stata aperta dagli Onori ai caduti in guerra, resi dal picchetto del Reggimento Genio Ferrovieri, di stanza a Castel Maggiore.

Il principale riconoscimento è stato assegnato a chi si è impegnato nel pubblico servizio in un momento difficilissimo, come la pubblica assistenza Croce Italia comuni di pianura, insignita dell’Ape d’Oro. Un’associazione presente sul territorio da 31 anni, con volontari formati al soccorso di emergenza e trasporto socio assistenziale. Presente con ambulanza, in convenzione con il 118, con un equipaggio formato da 3-4 volontari tutte le sere dalle 20.00 alle 24.00. Croce Italia è sempre stata a fianco della cittadinanza, prestando le proprie risorse umane e strumentali in ogni emergenza che si è presentata, rendendosi inoltre protagonista di iniziative segnate dall’altruismo e dalla volontà di aiutare il prossimo anche ben oltre i confini comunali.

L’Ape d’Argento invece è andata a: Chiara Basile, che ha profuso i propri sforzi nella promozione della cultura; Isabella Biffi, che ha svolto un ruolo determinante al servizio dei gemellaggi, in particolare con la cittadina francese di Ingré; Raffaella Casagrande, presidente della Consulta di Trebbo di Reno e da sempre impegnata nella democrazia locale; Leonardo Piccolo, impegnato nel volontariato e conosciutissimo punto di riferimento di AUSER nel territorio di Castel Maggiore; Romano Ronchi, che si è dedicato tutta la vita alla promozione dello sport, e peraltro per lungo tempo impeccabile presidente di seggio elettorale; i coniugi Assunta Varano e Roberto Nisticò, che sono stati capaci di gesti di altruismo mettendo il bene degli altri davanti ad ogni altra considerazione, Assunta facendosi promotrice di una raccolta fondi per l’acquisto di respiratori per l’ospedale Maggiore, Roberto salvando una persona dalle fiamme di un violento incendio scoppiato in via La Malfa.

Tra gli sportivi, riconoscimenti alla giovane ginnasta Nicole Cigarini, al portiere del Bologna FC, Federico Ravaglia, a ben tre coppie di danzatori della Polisportiva Progresso, a una larga rappresentanza di pattinatrici della fortissima Progresso Fontana Pattinaggio, alla nuotatrice Petra Biondi.