Portici Bologna
(Shutterstock.com)

Sono stati iscritti nella “World heritage list” dell’organismo delle Nazioni Unite

E’ un riconoscimento straordinario per la città di Bologna e per l’Emilia Romagna – affermano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore regionale alla Cultura e Paesaggio, Mauro FelicoriIn primo luogo, il grazie al Comune di Bologna per questo grande risultato, così come importante è stato l’impegno del Governo. Si conferma l’attitudine del nostro territorio a fare squadra: enti locali, privati, forze sociali ed economiche, università e sistema produttivo. Ora vogliamo fare in modo che il riconoscimento ottenuto dall’Unesco non sia solo un punto di arrivo, ma un’ulteriore tappa nel percorso di valorizzazione del patrimonio culturale regionale, compreso il completamento del restauro dei Portici stessi, al quale la Regione contribuisce. Complimenti ancora al Comune e a tutti coloro che hanno reso possibile il raggiungimento di questo traguardo prestigioso”.

La Regione Emilia-Romagna, tramite l’Istituto dei Beni Cultuali – oggi Servizio Patrimonio Culturale – ha partecipato ai lavori della Cabina di Regia istituita dal Comune di Bologna e finalizzata alla presentazione del dossier di candidatura dei Portici di Bologna nella lista Unesco dei beni patrimonio dell’Umanità.

“Un’immensa soddisfazione e un grande riconoscimento che ci rende felici. L’iscrizione dei portici di Bologna tra i siti patrimonio dell’umanità UNESCO è il raggiungimento di un obiettivo da tempo perseguito ed è il riconoscimento del grande lavoro di questi anni portato avanti dal vicesindaco Valentina Orioli e da tutta la struttura che ha dedicato a questa causa passione, competenza e capacità di relazione – commenta il sindaco Virginio MerolaUn grande ringraziamento al Ministero della Cultura, al ministro Dario Franceschini e alla sottosegretaria Lucia Borgonzoni, al Ministero degli Esteri col consigliere Paolo Bartorelli e all’Ambasciatore d’Italia presso l’Unesco, Massimo Riccardo. Questo titolo rappresenta un grande onore e una grande responsabilità per Bologna, saremo all’altezza di questo riconoscimento”.