Motore Maserati sede Carabinieri Bologna
(Ufficio Stampa Carabinieri)

Nella sede dell’Arma, in via dei Bersaglieri, rimarrà esposto il nuovo motore della Maserati MC20

L’avvocato Paolo Scortichini, General Caounsel di “Maserati”, ha voluto testimoniare la stima della casa del tridente all’Arma dei Carabinieri concedendo in comodato d’uso gratuito al Fondo Assistenza Previdenza e Premi per il Personale il nuovo motore “Nettuno” che rimarrà esposto nella prestigiosa sala “Virgo Fidelis” di questo Comando Legione in via dei Bersaglieri 3.

A poco più di un anno dalla sua creazione, il cuore pulsante della nuova super sportiva MC20, il nuovo motore “Nettuno”, disegnato e progettato nei laboratori e nelle officine della Casa del Tridente a Modena, tra il Maserati Innovation Lab di Via Emilia Ovest e le officine di Via Delle Nazioni (dove storicamente trovava la propria sede Maserati Corse) fa la sua bella mostra nella sala di rappresentanza di questo Comando Legione.

Il nuovo motore è il risultato di una vera e propria rivoluzione tecnologica, coperta da brevetti internazionali: un progetto nato grazie alla passione e all’impegno di una squadra di tecnici e ingegneri altamente specializzati, donne e uomini, che hanno affrontato con grande entusiasmo una nuova sfida: riportare in Maserati a Modena lo sviluppo e la produzione di un nuovo motore ad alto contenuto tecnologico ed elevate prestazioni dopo oltre 20 anni.

Un 6 cilindri a V di 90°, biturbo, 3.0L di cilindrata, carter secco (classica soluzione per le vetture supersportive) in grado di erogare 630CV a 7500 giri/minuto e ben 730 Nm di coppia a partire da 3000 giri/minuto. La potenza specifica è di 210 CV/litro, rapporto di compressione è di 11 a 1: la corsa di 82 mm e l’alesaggio di 88 mm.

L‘anima di questo motore è l’innovativo sistema di combustione a precamera con doppia candela di accensione, una tecnologia sviluppata per la Formula 1 e ora disponibile per la prima volta in un propulsore destinato ad equipaggiare una vettura stradale. Tre sono i principali componenti:

  • La precamera: di fatto una camera di combustione interposta tra la candela centrale e la camera di combustione tradizionale il cui collegamento avviene attraverso una serie di fori con geometria opportunamente studiata.
  • La candela laterale: una candela tradizionale che funge da supporto, per garantire la regolare combustione del motore quando quest’ultimo si trova a lavorare in punti di funzionamento dove l’utilizzo della precamera non è necessario.
  • Il doppio sistema di iniezione indiretta e diretta: accoppiato alla pressione di alimentazione combustibile a 350 bar ha lo scopo di diminuire la rumorosità a bassi giri, ridurre il livello di emissioni e migliorare i consumi.

Il Comandante della Legione Carabinieri dell’Emilia Romagna, Gen. B. Davide Angrisani ringrazia la casa del Tridente che ha voluto concedere l’opportunità ai suoi militari di ammirare una delle creazioni motoristiche di eccellenza italiana che il mondo ci invidia, il cuore di questa nuova vettura super sportiva MC20 è ora vicino all’Arma dei Carabinieri.