Castel Maggiore staffetta vittime uno bianca
(Ufficio Stampa Comune di Castel Maggiore)

Questa mattina è partita dal cippo dedicato a Umberto Erriu e Cataldo Stasi la staffetta dedicata alla commemorazione dei tragici eventi

Dopo il monumento sul luogo dove il 20 aprile 1988 furono assassinati i due giovani carabinieri in servizio presso la stazione dell’Arma di Castel Maggiore, la staffetta ha fatto tappa presso la Caserma del Reggimento Genio Ferrovieri, e sui luoghi dove il 27 dicembre 1990 Luigi Pasqui e Paride Pedini furono assassinati a sangue freddo dopo una rapina alla stazione di servizio di Via Galliera.

Successivamente la staffetta toccherà gli altri luoghi della memoria delle efferate imprese della banda della Uno Bianca, per concludersi a Bologna al monumento nel parco di Via Lenin in via Lenin dove alle 15.00 si è tenuta la commemorazione ufficiale di tutte le vittime.

Insieme alla piccola folla di cittadini e podisti radunatasi nonostante le difficoltà del giorno feriale, con il sindaco Belinda Gottardi erano presenti Rosanna Zecchi, presidente dell’associazione dei familiari vittime della Uno Bianca, il Colonnello Rodolfo Santovito, comandante provinciale dei Carabinieri, il Colonnello Emilio Giglio, comandante del Reggimento Genio Ferrovieri, Maria Cristina Vignudelli del Gruppo Podistico Polisportiva Progresso, organizzatore dell’evento.

Nel saluto alla manifestazione, il primo cittadino ha sottolineato come “a oltre 30 anni dai tragici eventi il ricordo dei caduti sia ancora vivo e presente alla comunità, e l’attività del fare memoria sia assolutamente necessaria alla creazione di una identità collettiva fondata sulla condivisione di valori di pace, legalità e democrazia”.