Apiario azienda Nimax Bologna
L'apiario urbano installato sul lastrico solare della Nimax (Ufficio Stampa Nimax)

L’azienda bolognese ha fatto collocare sul lastrico solare dell’edificio 9 arnie per ospitare le api

La scienza ha ampiamente dimostrato l’importanza delle api per l’intero pianeta: il 35% del nostro cibo e il 70% delle specie vegetali dipendono dall’impollinazione da parte di questi meravigliosi insetti ed è quindi evidente come il continuo calo del loro numero sia un problema che deve essere affrontato immediatamente e con serietà.

Le cause del problema sono da imputare ai pesticidi chimici, alle monocolture intensive, all’eccessivo consumo del territorio, alla perdita di biodiversità, a pratiche agricole per nulla lungimiranti e ai cambiamenti climatici, e sarebbe inaccettabile aggiungere a questa lista il disinteresse delle persone.

“Ciascuno di noi, nel suo piccolo, può fare qualcosa per proteggere le api e il loro habitat perché la loro sopravvivenza è alla base del nostro futuro e una precisa responsabilità di ciascuno” spiega Nicola Montanari, CEO di Nimax spa, azienda di riferimento in Italia per i sistemi di codifica e marcatura, ispezione e controllo ed etichettatura nelle linee di produzione.

In Nimax è radicata la consapevolezza che la tutela dell’ambiente può essere anche una delle missioni di un’azienda etica, che per essere efficace nel lungo periodo, deve essere fatta di semplici azioni quotidiane e che la promozione di una visione ecosostenibile e di rispetto del territorio è nell’interesse di tutti.

L’idea di trovare uno spazio sicuro e protetto per le api nasce dall’incontro fra l’ing. Montanari e Zeid Nabulsi, un giovane apicoltore originario di Damasco e da molti anni residente a Bologna, che ha fatto dell’allevamento etico delle api la filosofia alla base di BeeBo, la sua attività.

La maggior parte degli apicultori spostano le arnie più volte durante la stagione per guadagnare con il servizio di impollinazione dei frutteti, ma questa pratica risulta traumatica per le api che sono particolarmente sensibili.

Zeid Nabulsi ha deciso di risparmiare a questi insetti, che rifiuta di considerare semplici animali da sfruttare, un nomadismo forzato e ha optato per una scelta di stanzialità che tutela il loro benessere, grazie anche ai numerosi abitanti dei colli bolognesi che si sono offerti di ospitare le arnie. L’iniziativa dell’apiario aziendale Nimax nasce con tre obiettivi sinergici: trovare un luogo sicuro in cui collocare alcune arnie, condividere con i Collaboratori e i Clienti dell’azienda il fascino di questi insetti come pure la metafora del loro lavoro per il bene comune, e contribuire a monitorare l’ambiente.

Le 9 arnie, che ospitano da 30 a 70 mila api ciascuna, sono state collocate sul lastrico solare dell’azienda, in una posizione elevata rispetto alla strada e agli uffici così da garantire una convivenza naturale e sicura fra le api e i dipendenti dell’azienda.   Il miele prodotto verrà confezionato da BeeBo e condiviso fra i dipendenti; lo stato di salute della colonia verrà costantemente monitorato e fornirà anche precise indicazioni sullo stato dell’aria e dell’ambiente per un raggio di circa 3 km.

A primavera sarà possibile organizzare anche visite guidate per le scuole e a breve sarà possibile seguire dal vivo la vita della colonia sul sito di Nimax grazie alle webcam che verranno collocate per consentire a tutti di scoprire la vita di questi meravigliosi e indispensabili esseri viventi.

“In questi ultimi anni ho imparato molto sulla vita delle api e sulle loro caratteristiche, e mi sono reso conto dell’importanza di una corretta divulgazione su questo argomento anche con amici e colleghi – prosegue Montanari – Ma le api sono anche un esempio quotidiano per ciascuno di noi e ci ricordano che ogni giorno siamo chiamati a scegliere che tipo di persona vogliamo essere; questi insetti dedicano tutta la loro energia a cercare i fiori nei prati, ma anche fra il cemento delle nostre città: sono capaci di trovare l’unico fiore in un immondezzaio. Al contrario, insetti come le mosche sono focalizzate solo su ciò che è sporco e marcescente. Ogni volta che vediamo un’ape potremmo chiederci: che persona voglio essere? E che persona sono stata oggi? Ho scelto di essere ape o mosca?”.

La scelta di Nimax è quella di non limitarsi a delegare ad altri la cura e la protezione dell’ecosistema, ma di cominciare da subito a mettere in atto buone pratiche quotidiane che diano in breve i propri frutti e che siano di ispirazione e di utilità perché anche il comparto industriale ha la possibilità di svolgere un ruolo attivo che vada oltre il semplice rispetto degli standard imposti dal legislatore.