Carabinieri sequestro coltello
(Ufficio Stampa Carabinieri)

Eseguito dai Carabinieri un allontanamento d’urgenza dalla casa familiare

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bologna hanno eseguito un allontanamento d’urgenza dalla casa familiare nei confronti di un giovane, responsabile di maltrattamenti contro familiari o conviventi. E’ successo tra le mura domestiche di un appartamento, quando una donna, spaventata dal figlio che l’aveva minacciata, ha telefonato al 112 per chiedere aiuto.

All’arrivo dei Carabinieri, la richiedente ha riferito che il figlio, abituato a maltrattarla, l’aveva afferrata per il collo e minacciata perché non aveva terminato le faccende domestiche, tra cui la pulizia del cagnolino di famiglia che passeggiando per casa aveva fatto i bisogni in cucina.

Il figlio, da poco maggiorenne, ma con la prepotenza di un adulto, invece di aiutare la madre, ha preferito fare il duro, minacciandola con un coltello. A quel punto, la donna, temendo per la propria vita, ha messo da parte l’aspetto sentimentale madre-figlio e ha fatto la cosa giusta, chiedendo aiuto ai Carabinieri che, autorizzati dalla Procura della Repubblica di Bologna, hanno messo in atto il dispositivo previsto dall’Art. 384 bis del Codice di procedura penale.