Premio Tina Anselmi 2022
(Ufficio Stampa Comune Bologna)

Tra le premiate, tre operaie della Saga Coffee, il Questore Isabella Fusiello e Gea Garatti Ansini, unica Maestro di coro donna

Si è tenuta nella Sala Stabat Mater della Biblioteca Archiginnasio, la cerimonia di conferimento del Premio Tina Anselmi 2022, organizzato dal 2017 da Udi e Cif Bologna con il patrocinio e il contributo della Presidenza del Consiglio comunale.

Sono 14 i premi consegnati a donne per il loro contributo prezioso a campi lavorativi diversi e spesso caratterizzati da una scarsa partecipazione femminile. Tra di loro, tre operaie della Saga Coffee, il Questore Isabella Fusiello e Gea Garatti Ansini, unica Maestro di coro donna di una fondazione lirico sinfonica. 

Alla cerimonia sono intervenute Maria Caterina Manca, presidente del Consiglio comunale, la vicesindaca Emily Marion Clancy e le rappresentanti di Cif Bologna, Carla Baldini, e di Udi Bologna, Katia Graziosi.  

L’edizione 2022 del Premio Tina Anselmi intende valorizzare l’importante apporto che le lavoratrici hanno dato nei vari luoghi di lavoro dell’area metropolitana durante la pandemia.
Impegnate in settori essenziali, come il socio-sanitario, la catena della distribuzione alimentare, i servizi e l’istruzione, le donne hanno continuato a lavorare garantendo con il loro impegno il funzionamento del sistema, esponendosi in prima persona al rischio di contagio.

Gli effetti della pandemia hanno inoltre particolarmente penalizzato le donne, sottoponendole a turni di lavoro faticosi, aggravando la diseguale ripartizione dei compiti di cura in ambito familiare e accentuandone la precarietà lavorativa.

Le donne premiate nei vari settori con il Premio Tina Anselmi 2022 e le motivazioni

Alla carriera

Giuliana Pritoni: inizia a lavorare sin dall’infanzia dimostrando nel tempo tenacia, spirito di iniziativa, capacità imprenditoriali e gestionali, grazie alle quali ancora oggi le viene riconosciuto un ruolo significativo nell’azienda di famiglia.

Maria Rosa Bedini: inizia giovanissima ad insegnare in una scuola primaria dell’appennino bolognese, accompagnando tante generazioni di bambini nella sua lunga carriera di insegnante. Mantiene tuttora il proprio ruolo di educatrice volontaria sia nei confronti dei bambini in difficoltà che per gli adulti che amano l’arte e la storia di Bologna.

Sanità

Amanda Nanni: svolge la mansione di infermiera professionale presso un ospedale dell’Appennino. Fin dall’inizio della pandemia di Covid-19 si è resa disponibile sul territorio per lunghi turni vaccinali, dimostrando professionalità e spiccate doti umane soprattutto nei confronti delle persone più fragili.

Paola Paganelli: si è distinta dall’inizio della pandemia di Covid-19 per la riorganizzazione delle terapie intensive, affiancando al proprio ruolo professionale di infermiera, quello di formatrice del personale neo-assunto. Con umanità e coraggio è stata accanto a pazienti, amici e colleghi ricoverati infondendo solidarietà e spirito di gruppo.

Grazia Pecorelli: dirige il pronto soccorso ed emergenza territoriale area spoke dell’USL di Bologna. Ha affrontato con competenza e disponibilità verso i cittadini la fase acuta della pandemia di Covid-19, accompagnandoli in momenti particolarmente difficili. La sua sensibilità l’ha portata a sviluppare progetti formativi per l’accoglienza delle donne vittime di violenza. 

Area artistica

Gea Garatti Ansini: “Maestro” di coro, attualmente è la sola donna a svolgere tale ruolo tra le fondazioni lirico sinfoniche italiane. La sua prestigiosa carriera l’ha portata nei più importanti teatri lirici con un vasto repertorio. Ha fondato un coro internazionale lirico sinfonico per valorizzare i talenti giovanili.

Tiziana Sassoli: titolare e guida artistica di una importante galleria d’arte cittadina, con particolare riferimento alla antica pittura bolognese. Si è sempre adoperata per riportare in Italia opere di prestigiosi artisti, collaborando con musei, fondazioni anche in campo internazionale. È presente in prestigiose esposizioni di antiquariato e sa trasmettere la passione per il “bello” ai giovani. 

Artigianato

Silvia Montaguti: sfoglina e artigiana, porta avanti questa antica tradizione bolognese della pasta fresca. Il suo negozio, in uno dei quartieri più multietnici di Bologna, è un punto di incontro tra realtà sociali molto diverse, che trovano oltre a ottimi prodotti anche tanta cordialità.

Forze dell’ordine

Isabella Fusiello: dopo avere ricoperto incarichi di notevole responsabilità sul territorio nazionale, è attualmente Questore di Bologna: prima donna a ricoprire questo incarico nel capoluogo emiliano. Oltre a spiccate doti professionali, si distingue per la capacità di ascolto delle esigenze del personale, lo spirito di servizio nei confronti della cittadinanza sempre nel rispetto delle regole. 

Edilizia e industria

Barbara Lontani: nel suo ruolo di responsabile del settore tecnico di una cooperativa edile, coniuga i valori del movimento cooperativo con brillanti risultati professionali e spirito di servizio, in un contesto lavorativo tradizionalmente maschile come l’edilizia.

Giuseppina Mangone, Laura Borelli, Katia Battistini: lavoratrici che si sono distinte nel presidio permanente Saga Coffee sull’appennino in difesa del posto di lavoro, in una realtà territoriale particolarmente difficile per le donne.

Agricoltura

Sara Martinelli: responsabile di una cooperativa sociale che opera nell’ambito della disabilità e dell’agricoltura biologica. Si è impegnata per mantenere durante il periodo pandemico l’attività lavorativa e la regolare presenza degli ospiti con fragilità, conciliando il benessere della persona con quello della natura.