Volante 112
(Ufficio Stampa Carabinieri)

L’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari

I Carabinieri della Stazione di San Lazzaro di Savena, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bologna, hanno arrestato un 30enne italiano, indagato per atti persecutori, in esecuzione di una misura cautelare agli arresti domiciliari del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna.

La vicenda è iniziata a giugno, quando il 30enne, incapace di accettare la decisione dell’ex compagna che decide di lasciarlo, inizia a perseguitarla, tempestandola giorno e notte di telefonate e messaggi, anche dal contenuto minatorio o offensivo.

Non riuscendo a riallacciare i rapporti, il 30enne, invece di fare un passo indietro, inizia a pedinare la ragazza sotto casa e sul luogo di lavoro, provocandole un gravissimo stato di ansia e paura. Preso atto della situazione, l’autorità giudiziaria decide di sottoporre lo stalker a un divieto di avvicinamento e di comunicazione con la persona offesa, ma nonostante questo, il 30enne continua a opprimere la ragazza che, stremata dall’atteggiamento impassibile dell’ex fidanzato che la rivuole a tutti i costi, informa subito i Carabinieri.

A quel punto, la Procura della Repubblica di Bologna, venuta a conoscenza che l’uomo, non stava rispettando il provvedimento, ha chiesto l’aggravamento della misura cautelare, sostituendo il divieto di avvicinamento e di comunicazione con la persona offesa, con altro provvedimento. La richiesta è stata accolta dal GIP del Tribunale di Bologna. Individuato dai Carabinieri, il 30enne italiano è stato arrestato e tradotto nella sua abitazione, dove è stato sottoposto agli arresti domiciliari.