Bologna piano neve

A disposizione mezzi speciali oltre a 45 spargisale e 196 spalaneve

Il Piano Neve, attivo come ogni anno, è lo strumento attraverso il quale il Comune di Bologna interviene per garantire la viabilità in città quando nevica. Il Piano Neve contiene sempre anche le informazioni su come comportarsi se ci si deve muovere: i doveri dei cittadini; come si attiva il Comune per garantire la viabilità; come vengono puliti gli accessi alle scuole e agli ospedali, le principali fermate degli autobus e i passaggi pedonali; quando e come viene sparso il sale sulle strade pubbliche.

“Il piano neve è un sistema complesso e rodato – sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici e Protezione civile Simone Borsari che prevede vari livelli di attivazione, con un investimento di 1 milione di euro, più eventuali interventi extra canone. La sua riuscita richiede soprattutto un lavoro di squadra: oltre agli interventi di mezzi e squadre di professionisti, i frontisti si devono occupare dei marciapiedi; gli amministratori condominiali, della pulizia preventiva delle grondaie e dello sfalcio dei rami e alberature che si protendono su marciapiedi e strade; la cittadinanza attiva e i volontari coordinati dai quartieri, della spalatura della neve in aggiunta alle 40 squadre adibite alle attività manuali”.

Come funziona il Piano Neve: salatura e pulizia delle strade

Il Piano Neve scatta in base alle previsioni meteorologiche e prevede la salatura e la pulizia delle strade. I mezzi a disposizione sono 45 spargisale e 196 spalaneve. Gli spargisale accendono il motore quando è prevista una nevicata o la formazione di ghiaccio sulle strade. Gli spalaneve invece si attivano quando ci sono più di cinque centimetri di neve a terra, altrimenti le lame rovinerebbero asfalto e tombini e rallenterebbero ulteriormente la viabilità. I mezzi si muovono dando la priorità alla circolazione stradale e ai servizi essenziali. Il Piano Neve dallo scorso anno si è dotato anche di turbine speciali per affrontare nevicate particolarmente intense e grandi mezzi combinati che funzionano sia da spargisale che da spazzaneve e che vengono utilizzati su alcune grandi direttrici stradali della città.

Quando nevica vengono puliti subito i circa 550 chilometri di strade comunali primarie interessate dal trasporto pubblico, quelle a grande percorrenza e quelle collinari dove la circolazione è più rischiosa. Il primo passaggio dei mezzi serve a consentire il transito dei bus e delle auto, poi il percorso si ripete per pulire anche attraversamenti pedonali, isole per la raccolta dei rifiuti, passi carrai. Dopo i due passaggi, a seconda della situazione, si valuta se ripetere il percorso principale o spostare i mezzi sui 410 chilometri di strade secondarie. Negli edifici scolastici di proprietà comunale che ospitano nidi, scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, il Comune si occupa di pulire i percorsi di accesso alle strutture (marciapiedi esterni e ingressi). Viene pulita anche la viabilità pedonale di accesso alle sedi dei Quartieri e di alcuni edifici pubblici. Oltre alle strade, il Comune interviene anche con squadre manuali e mini pale meccaniche per pulire le principali fermate dei bus e del Servizio Ferroviario Metropolitano.

Come l’anno scorso, vengono pulite anche le principali piste ciclabili, con piccoli mezzi dotati di lame in gomma per salvaguardare il terreno. La pulizia sarà effettuata sulla tangenziale delle biciclette, sulla radiale ovest Casalecchio-Bologna e sulla radiale est San Lazzaro-Bologna. Rimane l’invito alla cautela nell’uso della bicicletta dopo le nevicate: è opportuno verificare le condizioni delle strade prima di spostarsi e scegliere percorsi già puliti. Preferibilmente la bici va dotata di pneumatici idonei.

Ghiaccio: tre sensori per intervenire al momento giusto

L’attività antighiaccio si attiva in caso di temperature rigide con valori elevati di umidità. Lo spargimento del sale (la scorta è di cinquemila tonnellate ed è un sale particolare, senza inquinanti) interessa i punti critici della viabilità come ponti, rotonde, cavalcavia, sottopassi, zone collinari, in cui è più probabile la formazione di ghiaccio al suolo. Si tratta infatti di un fenomeno poco prevedibile perché non legato solo alla temperatura ma anche all’umidità: il Comune si avvale di un sistema di rilevamento delle condizioni stradali composto da tre piccoli sensori inseriti nella pavimentazione e in grado di verificare in tempo reale la formazione di ghiaccio. I tre sensori registrano queste condizioni e allertano il sistema consentendo un intervento rapido e sono posizionati in via del Paleotto, in via Casteldebole e in via del Tuscolano.

Cose da sapere e cose da fare

Dal 15 novembre al 15 aprile tutti i veicoli a motore devono essere muniti di pneumatici invernali o avere le catene a bordo. Nello stesso periodo, i ciclomotori a due ruote, i quadricicli leggeri e i motocicli possono circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla carreggiata. Mentre nevica la circolazione per questi mezzi è vietata.

Marciapiedi: tutti i cittadini hanno l’obbligo di pulire da neve e ghiaccio i marciapiedi davanti alle proprie case, negozi o aziende, creando un passaggio per i pedoni ed evitando di accumulare la neve spalata vicino ai cassonetti e alle fermate degli autobus. Dopo aver tolto la neve, devono spargere il sale antighiaccio (o materiale antiscivolo sui marciapiedi come sale, sabbia o segatura), come specificato nell’articolo 6 del Regolamento di Polizia Urbana). È necessario quindi che tutti acquistino il sale antighiaccio.
Si ricorda inoltre l’obbligo per tutti di provvedere preventivamente allo sfalcio dei rami e alberature che si protendono dagli spazi privati e condominiali su marciapiedi e strade, per evitare i pericolo di rotture dei rami una volta carichi di neve e ghiaccio.

Tetti: tutti i proprietari di case, gli inquilini e gli amministratori di condominio hanno l’obbligo di rimuovere la neve e il ghiaccio sporgente da tetti, balconi e grondaie, segnalando o delimitando le zone di caduta.

I comportamenti corretti

Per spostarsi è consigliato prendere il bus: quando nevica la circolazione è naturalmente più lenta anche per consentire il passaggio dei mezzi spalaneve, quindi è meglio uscire di casa con anticipo e prendere l’auto solo in caso di emergenza.
A piedi è opportuno indossare scarpe e indumenti idonei, facendo attenzione alle parti di asfalto con la segnaletica orizzontale, come per esempio le strisce pedonali: sono più scivolose a causa della verniciatura. Anche se si cammina sul pavimento dei tanti portici della città bisogna fare attenzione a non scivolare. Occorre fare attenzione anche a tetti,
cornicioni, grondaie, pensiline e alberi da cui possono cadere neve o ghiaccio.

Per informazioni: www.comune.bologna.it/pianoneve