Droga
(©Shutterstock.com)

L’uomo, un 43enne, è stato trovato in possesso di sostanze stupefacenti

I Carabinieri della Compagnia di San Lazzaro di Savena, hanno arrestato un 43enne, residente in città, operatore socio sanitario presso un ospedale cittadino, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

È successo verso l’ora di pranzo del 20 gennaio scorso quando una pattuglia dei Carabinieri, nel transitare lungo via Fantini di San Lazzaro di Savena si è insospettita per un’autovettura Lancia Ypsilon con a bordo il conducente accostata a bordo strada come se stesse aspettando l’arrivo di qualcuno.

I Carabinieri hanno deciso di effettuare un controllo. L’autista, in evidente stato di agitazione, ha portato i militari ad insospettirsi e ad approfondire gli accertamenti, anche per via del forte odore tipico di sostanza stupefacente provenire dall’interno dell’autovettura. Tali operazioni hanno portato al rinvenimento di una sigaretta artigianale tipo “spinello” contenente hashish, occultata all’interno del vano portaoggetti, una busta in cellophane con all’interno 22 grammi di marijuana detenuta in uno zaino di sua proprietà e una somma di denaro di vario taglio pari a euro 100, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

Le operazioni di perquisizione sono state estese anche all’interno dell’abitazione dello stesso, con il rinvenimento di altra sostanza del tipo marijuana, complessivamente pari a 250 grammi e 8 grammi di hashish, tutto occultato in varie parti della casa e del giardino annesso all’abitazione.

Oltre alla droga, l’operatore socio sanitario deteneva materiale dedito al confezionamento della stessa, un bilancino di precisione e due coltellini adoperati per il taglio, entrambi con le lame sporche di sostanza resinosa di colore marrone.

Su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna, il 43enne arrestato è stato ammesso agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.