Stefano Accorsi
(©GIO_LE/Shutterstock.com)

La cerimonia, aperta al pubblico fino ad esaurimento dei posti, si svolgerà oggi alle ore 19, nella Sala San Francesco della Biblioteca comunale

Il Baccanale 2022, dal tema “Ripieni”, completa il proprio programma con la consegna del premio Garganello d’oro a Stefano Accorsi. La cerimonia si svolgerà mercoledì 25 gennaio, alle ore 19, nella sala San Francesco della biblioteca comunale di Imola (via Emilia, 80). Si tratterà di una breve cerimonia, aperta al pubblico, fino ad esaurimento dei posti.

Come si ricorderà, per precedenti impegni di lavoro, l’attore bolognese non ha potuto ritirare il premio nel corso dell’inaugurazione della tradizionale rassegna enogastronomica e culturale organizzata dal Comune di Imola, il 22 ottobre scorso, rimandando il ritiro in occasione della sua presenza ad Imola per portare in scena il suo nuovo spettacolo “Azul”, in programma sul palco dello ‘Stignani’ dal 24 al 29 gennaio 2023.

A consegnargli il premio sarà il sindaco di Imola, Marco Panieri, insieme all’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi, con la seguente motivazione: “Per la cura e l’attenzione per le eccellenze e le tradizioni del cibo della nostra Regione, che ha così bene raccontate e rappresentate nella fortunata campagna della Regione Emilia-Romagna alla quale l’artista ha prestato il volto e il cuore”.

Proprio nell’ambito dell’inaugurazione del Baccanale, l’attore ha inviato un messaggio, che è stato letto dal sindaco Panieri. “Sono molto felice di ricevere questo riconoscimento così importante! A Imola quando abbiamo girato il film Veloce Come il Vento siamo stati accolti con grande calore e abbiamo sempre avuto l’appoggio della città e dell’organizzazione del suo incredibile circuito. Ogni volta che ci torno è un piacere. Anche adesso sono in Emilia-Romagna impegnato tutti i giorni per una nuova serie Sky, quindi ci vediamo in gennaio a Imola nel vostro bellissimo Teatro Ebe Stignani per ritirare il Garganello d’oro e per mangiare insieme un po’ di garganelli veri dopo il mio nuovo spettacolo AZUL” ha scritto Stefano Accorsi.

Il premio Garganello d’oro viene assegnato ogni anno, dal 2003, nell’ambito del Baccanale, a personaggi o enti che si sono distinti nella promozione della cultura del cibo.

L’albo

2022 Stefano Accorsi – per aver saputo raccontare con cura e attenzione le eccellenze e tradizioni del cibo della nostra Regione, tramite la campagna promossa dalla Regione Emilia-Romagna alla quale l’artista ha prestato il volto e il cuore.

2021 Fondazione Banco Alimentare Emilia-Romagna Onlus – per l’impegno profuso da sempre, e in particolare durante il periodo dell’emergenza sanitaria, nel servizio quotidiano di recupero e distribuzione di alimenti a famiglie e singoli in stato di bisogno.

2020 Fondazione Casa Artusi di Forlimpopoli – per il grande impegno di Casa Artusi nella salvaguardia e valorizzazione dell’opera di Pellegrino Artusi e nella promozione della cucina domestica del nostro paese in Italia e nel mondo.

2019 Rosanna Marziale – chef del ristorante Le Colonne, tra le donne più in vista del panorama culinario italiano.

2018 Patrizio Roversi – conduttore televisivo e scrittore, divulgatore dei prodotti enogastronomici del nostro Paese.

2017 Anna Kauber – regista e architetto paesaggista, studiosa dei rapporti tra ambiente, società e cibo.

2016 Libera Terra – associazione che sostiene il recupero sociale e produttivo dei territori liberati dalle mafie.

2015 Massimo Bottura – fondatore dell’Osteria francescana di Modena, tra i miglior chef del mondo.

2014 Andrea Segré – professore universitario, presidente di “Last minute market”, iniziativa sociale di lotta agli sprechi alimentari e invito alla sostenibilità.

2013 Michael White – chef newyorkese, ha esportato la cucina italiana e mediterranea negli Stati Uniti.

2012 Lorenzo Vacchi – giovane musicista emergente, ha saputo unire musica e cibo in maniera innovativa.

2011 Licia Granello – food editor, giornalista di Repubblica, scrittrice ed esperta di cultura alimentare e gastronomica.

2010 Clara Sereni – scrittrice e giornalista, ha fatto del valore socioculturale del cibo uno dei temi principali della sua narrazione.

2009 Vito – attore e comico, ha saputo coniugare l’attività attoriale con la cultura gastronomica.

2008 Massimo Montanari – docente universitario, tra i massimi esperti mondiali in Storia dell’alimentazione.

2007 Gianluigi Morini – fondatore del ristorante San Domenico di Imola.

2006 Eugenio Del Toma – medico specialista in Scienze dell’alimentazione, nell’attività di divulgazione ha combinato alimentazione sana e cultura del cibo.

2005 Gianni Mura – giornalista e scrittore, cultore di enogastronomia.

2004 Carlin Petrini – fondatore dell’associazione Slow Food.

2003 Gualtiero Marchesi – chef di fama internazionale, fondatore della “Nuova cucina italiana”.