Auto 112
(Ufficio Stampa Carabinieri)

A casa dell’uomo sono state ritrovate sostanze stupefacenti e materiale per il confezionamento della droga

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Bologna Centro, nel tardo pomeriggio del 24 novembre hanno arrestato un 25enne di origine straniera, domiciliato a Bologna, celibe, irregolare sul Territorio Nazionale, già noto alle forze dell’ordine, accusato del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e/o psicotrope, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate.

L’uomo, sospettato di detenere droga all’interno della sua abitazione ubicata nel quartiere Santo Stefano e di spacciarla abitualmente sul territorio metropolitano, ha spinto i Carabinieri a controllare i suoi movimenti. Verso le ore 18 circa, il 25enne ha fatto rientro verso la sua abitazione e, non appena i militari si sono avvicinati a lui e si sono qualificati, con uno scatto repentino si è girato ed ha iniziato a correre nel senso di marcia opposto a quello che stava percorrendo.

Durante la corsa, inseguito dai militari, ha gettato per terra dapprima il suo telefono cellulare che teneva all’interno della tasca del giubbino e, in un secondo momento, ha lanciato un mazzo di chiavi, riconducibili alla sua abitazione.

Dopo un breve inseguimento, i militari lo hanno raggiunto e bloccato. Il 25enne si è dimostrato fin da subito insofferente al controllo, infatti ha opposto una forte resistenza nei confronti dei militari e, nel tentativo di procurarsi la fuga, ha scaraventato per terra uno dei carabinieri, cagionandogli lesioni successivamente giudicate guaribili in quattro giorni.

Il comportamento dell’uomo ha fatto ancora di più insospettire i carabinieri che lo hanno perquisito. Recuperato il mazzo di chiavi e il cellulare, i militari hanno esteso la perquisizione anche all’abitazione e, al suo interno, hanno rinvenuto complessivamente 28 grammi di cocaina e 21,6 grammi di hashish, nonché un bilancino di precisione con tracce di sostanza polverosa di colore bianca e resinosa di colore marrone, materiale atto al confezionamento della droga, una forbice, un coltello da cucina e uno a serramanico con ancora vicino tracce resinose di colore marrone.

In più è stata ritrovata anche una somma in denaro contante di vario taglio, complessivamente pari a euro 2.660, ritenuta provento della sua attività di spaccio.

La droga e il denaro sono stati sequestrati mentre l’uomo, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna, è stato arrestato e tradotto in camera di sicurezza, in attesa del processo con rito direttissimo.