Petardi
(©Shutterstock.com)

Il divieto è in vigore dal 24 dicembre 2023 al 7 gennaio 2024; vietata anche la vendita di bevande in vetro e lattine la notte di Capodanno

Il Sindaco ha firmato le consuete ordinanze per disporre il divieto di scoppi di petardi, fuochi d’artificio e simili dalle 12 del 24 dicembre 2023 alle 7 del 7 gennaio 2024 e il divieto, limitatamente alla notte di Capodanno dalle 18 del 31 dicembre 2023 fino alle 8 del 1 gennaio 2024, della vendita per asporto di qualsiasi tipo di bevanda in contenitori di vetro e in lattine nelle aree pubbliche interessate ai festeggiamenti.

La prima ordinanza vieta, dalle 12 del 24 dicembre 2023 alle 7 del 7 gennaio 2024, ai detentori di materiale pirotecnico, non titolari di licenza, né autorizzati all’attuazione di manifestazioni pirotecniche in luoghi pubblici, di effettuare, e far effettuare, lo scoppio di petardi, mortaretti e di ogni tipo di fuoco pirotecnico in luogo pubblico o di uso pubblico, e nei luoghi privati da cui possano essere raggiunte o interessate direttamente aree e spazi ad uso pubblico. È inoltre vietato l’utilizzo di fuochi pirotecnici, non posti in libera vendita, nei luoghi privati, senza la licenza e l’utilizzo di fuochi pirotecnici, anche posti in libera vendita, nei luoghi privati senza rispettare le istruzioni per l’uso stabilite sulle etichette.

L’ordinanza raccomanda a tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private, finestre, balconi, lastrici solari, luci e vedute prospicienti aree pubbliche o private ad uso pubblico di limitarne e controllarne l’uso per la effettuazione di spari, scoppi, lanci di fuochi pirotecnici, mortaretti, e simili, e comunque di evitare il lancio, nonché la caduta di altri oggetti pericolosi per la pubblica incolumità, verso luoghi pubblici o di uso pubblico.

Si raccomanda a genitori e tutori di minori, di vigilare sul corretto uso dei dispositivi nei luoghi privati, sul rispetto delle istruzioni e per evitare che i minori raccolgano ordigni inesplosi; ai proprietari di animali d’affezione, di vigilare e attivarsi affinché il disagio degli animali determinato dagli scoppi non causi danni alle persone e agli animali stessi.

La seconda ordinanza, per garantire la sicurezza delle persone che festeggeranno in Piazza Maggiore l’arrivo del 2024, vieta, la notte di Capodanno, a partire dalle 18 del 31 dicembre 2023 fino alle 8 del 1 gennaio 2024, alle attività all’interno dell’area di Piazza Maggiore, la vendita per asporto e la somministrazione all’interno dei dehors di qualsiasi bevanda, alcolica e non alcolica, in contenitori di vetro o lattina.

Questo divieto si applica anche alle attività che si trovano nelle vie de’ Pignattari, Archiginnasio, Clavature, Pescherie Vecchie, D’Azeglio fino all’incrocio con via Farini, piazza del Nettuno e piazza Re Enzo, via Indipendenza, via Rizzoli e via Ugo Bassi, limitatamente alla zona dei T-Days. Inoltre, le attività all’interno dell’area di Piazza Maggiore devono rimuovere gli arredi mobili dei dehors, sempre dalle 18 del 31 dicembre alle 8 del primo gennaio. Infine, nell’area dei festeggiamenti è vietato nella stessa fascia oraria introdurre qualsiasi bevanda alcolica e non alcolica in contenitori di vetro o lattina e bombolette contenenti spray urticante.