Imola centenaria Clara Cortecchia 2023
(©Shutterstock.com)

Clara Cortecchia, nata nel dicembre 1923, ha spento le sue 100 candeline circondata da famiglia e amici

Grande festa con la famiglia e tanti vicini di casa, per i 100 anni di Clara Cortecchia, mentre a formularle gli auguri a nome della Città e consegnarle la medaglia dei centenari è stato il sindaco Marco Panieri.

“La chiamano tutti “nonna Clara”, sia noi in famiglia sia i vicini di casa, per la sua grande disponibilità e attenzione verso gli altri, che ha con tutti – racconta la figlia Silvana Gollini – e tutti le vogliono un gran bene”.

Clara Cortecchia è nata a Casola Valsenio il 14 dicembre 1923, penultima di dodici tra fratelli e sorelle, in una famiglia a mezzadria. Ha fatto le scuole elementari, dando sempre una mano in casa, fin da bambina. Poi nei primi anni ’40 il trasferimento con la famiglia a Linaro, dove conobbe Giancarlo Gollini, vicino di casa, che 1951 diventerà suo marito. Dal matrimonio nascono i figli Silvana e Cesarino. Clara Cortecchia dapprima ha aiutato il marito nei lavori dei campi, poi ha lavorato in un magazzino di frutta e nella fabbrica del ghiaccio, a Imola, nel contempo accudendo la famiglia, man mano che cresceva, compresi i nipoti.

“Le è sempre piaciuto far da mangiare, in particolare la sfoglia tirata a mano e l’arrosto di coniglio erano le sue specialità. Ha continuato a cucinare fino a pochi anni fa, davvero una cuoca meravigliosa” aggiunge la figlia Silvana. Altra grande passione l’uncinetto, con le tende di casa tutte ricamate.

“’Nonna Clara’ è una donna caparbia, con una grande forza di volontà per superare i problemi, una persona positiva, sempre disponibile verso gli altri” conclude la figlia Silvana.