Giovane ragazza in manette
(©Shutterstock.com)

Ilario Castello: “Servono uomini, mezzi e certezza della pena”

“Ingaggiare 40 guardie giurate per arginare il fenomeno delle babygang nella zona commerciale bolognese, è si una soluzione tampone, ma in questo modo si lascia il cerino delle mani dei commercianti. Le istituzioni locali dovrebbero chiedere esplicitamente al Governo di investire in sicurezza, aumentando le assunzioni nelle forze dell’ordine e rimpolpando le piante organiche che sono carenti e vedono spesso i colleghi costretti a turni massacranti, a scapito del loro benessere psicofisico. Non si può fare ricorso alla sicurezza privata, ignorando la sofferenza di reparti e caserme che da anni vedono un blocco del turnover e pochi potenziamenti“.

Ad affermarlo è Ilario Castello, Segretario Nazionale del Nuovo Sindacato Carabinieri (NSC).

“Il fenomeno delle babygang – osserva il dirigente nazionale – è molto diffuso in tutto il Paese e molto spesso ad alimentare condotte criminose da parte dei giovanissimi è la consapevolezza di farla franca. Bisognerebbe intervenire sull’impianto normativo, colmando le lacune e garantendo la certezza della pena. In questo modo il capillare lavoro delle forze di polizia non verrebbe vanificato“.