Belinda Gottardi sindaco Castel Maggiore
(©Ufficio Stampa Comune Castel Maggiore)

Tanti gli investimenti per scuole, sociale e manutenzione strade

Il Piano Triennale delle Opere Pubbliche, la cui variante è stata illustrata dal Vicesindaco Luca De Paoli nella seduta del Consiglio comunale del 31 gennaio, rappresenta uno strumento che consente la pianificazione di opere pubbliche e di risorse dedicate.

Luca De Paoli ha spiegato che in questa variante vengono inserite “opere che entrano nel Piano per dare risposte sempre più adeguate a condizioni di fragilità, con gli interventi di riqualificazione e ristrutturazione di alloggi in via Angelelli e in via Bondanello che saranno destinati ad emergenze sociali per la residenzialità delle fasce più deboli con investimenti per circa 500mila euro, mentre trovano conferma gli investimenti già programmati per il completamento di opere per il miglioramento sismico della Scuola Bertolini per circa 350.000 euro e dell’Asilo nido trenino blu per 250.000 euro, oltre alla manutenzione straordinaria strade per 800.000 euro nel 2024 e 700.000 euro nel 2025 e 800.000 euro nel 2026”.

Attraverso il Piano delle Opere pubbliche sono passati nel recente passato investimenti che hanno superato i 32milioni, dal Parco del Sapere Ginzburg al nuovo polo scolastico in via Loi, dal Polo della Sicurezza alla nuova scuola media, al progetto Pinqua all’interno del programma di recupero di immobili e alloggi di edilizia residenziale pubblica che porterà a riqualificare il quartiere presso la stazione e a ripensare una palazzina ERP da destinare a residenze innovative e spazi di co-housing per attività comuni, attività associative ed un presidio sociosanitario, ma anche la manutenzione delle strade e i periodici adeguamenti degli edifici scolastici.

La sindaca Belinda Gottardi osserva che “La Città di Castel Maggiore, soprattutto negli ultimi anni, ha potuto realizzare importanti investimenti in termini di infrastrutture e opere pubbliche che hanno contribuito a elevarne la capacità di offerta di servizi e attività migliorando la qualità del vivere cittadino, senza indebitamento e anzi ottenendo finanziamenti molto significativi come quello PNRR per la nuova scuola Donini Pelagalli e quello per il progetto Pinqua. L’inserimento negli investimenti degli alloggi a destinazione sociale rappresenta un importante passaggio nella concretizzazione di politiche solidali ed inclusive”.

Il Piano è stato approvato con i voti a favore di PD, Lista Bene in Comune e Movimento 5 Stelle, e l’astensione di Fratelli d’Italia e del Gruppo misto.