Dozza Muro Dipinto @Simonetta Ragazzini
(©Simonetta Ragazzini)

E’ arrivata la nuova WebApp ‘Guido’ per visitare il museo a cielo aperto del Muro Dipinto di Dozza

L’amministrazione comunale dozzese continua a puntare forte sull’utilizzo delle moderne tecnologie per far conoscere il proprio patrimonio artistico e culturale in giro per il mondo. La filosofia portante è ormai chiara: rendere l’esperienza di visita delle migliaia di turisti che ogni anno fanno tappa nel centro storico dell’abitato collinare sempre più approfondita e ricca di nozioni utili per agevolarne la conoscenza e alimentare il fisiologico passaparola al rientro dal viaggio.

La progettualità strizza l’occhio, però, anche ai residenti di oggi e di domani che, smartphone alla mano, potranno scoprire tutti i segreti di alcune delle più celebri opere d’arte che ornano le pareti delle loro abitazioni. Capolavori realizzati durante il consolidato evento della Biennale del Muro Dipinto di Dozza che vive della comunione d’intenti organizzativa tra il municipio di via XX Settembre e la Fondazione Dozza Città d’Arte.

Questa volta, in risposta al bando della Città Metropolitana denominato ‘Economia di Prossimità’ a cui nel 2022 ha preso parte il Nuovo Circondario Imolese ottenendo il finanziamento per una serie di iniziative tematiche, gli uffici dell’Unione di via Boccaccio hanno affidato alla realtà imolese Up Urban Planning Sel by Sis-ter Srl Sb il compito di dare forma ad un’audioguida multilingue che tramite la WebApp ‘Guido’ sarà in grado di impreziosire la visita ad una ventina di dipinti selezionati tra quelli presenti nel cuore del borgo. Un progetto pilota poi replicabile anche negli altri Comuni dell’area circondariale.

Il suo funzionamento è semplice e intuitivo ma le istruzioni saranno anche riportate su un paio di pannelli informativi installati all’altezza dei varchi d’accesso del paese. Smartphone sott’occhio, attraverso la propria posizione oppure con l’inquadratura dell’apposito QrCode, si potrà accedere all’audioguida in un click e beneficiare dell’ascolto della minuziosa descrizione dei capolavori. Il visitatore potrà selezionare la lingua preferita e, grazie all’utilizzo di algoritmi di intelligenza artificiale, il testo verrà automaticamente tradotto e trasformato in audio con voci di diverso genere. Le lingue disponibili sono italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo ma la soluzione è scalabile verso altri linguaggi e ulteriori dipinti al fine di costruire una vera e propria escursione d’arte sempre più completa nel museo a cielo aperto di Dozza.

La nuova WebApp ‘Guido’ sarà presentata agli addetti ai lavori e alle istituzioni nell’ambito dell’evento di costituzione della sezione regionale dei Borghi Più Belli d’Italia in programma a Dozza nei prossimi giorni.“Il Muro Dipinto è un museo a cielo aperto che in questi anni abbiamo valorizzato in molti modi dal punto di vista turistico, culturale e degli eventi correlati ma anche in termini di restauro dei lavori – spiega il sindaco di Dozza, Luca Albertazzi -. Un patrimonio inestimabile al quale vogliamo dare una riconoscibilità sempre più alta a livello nazionale e internazionale”. E ancora: “E’ in quest’ottica che va interpretato l’investimento che ha dato forma alla WebApp ‘Guido’, strumento gratuito a disposizione di chiunque tutti i giorni dell’anno e ad ogni ora del giorno e della notte, che consente di effettuare una visita guidata approfondita ai nostri capolavori – aggiunge -. Un modo concreto e funzionale per rendere la cultura davvero accessibile a tutti. Ma anche la possibilità di avere un primo ed approfondito approccio informativo con uno degli autentici elementi distintivi della nomea di Dozza nel mondo. Come in un qualsiasi plesso museale, quindi, l’ausilio dei moderni supporti tecnologici garantisce il necessario salto di qualità per intercettare il gradimento del pubblico