Imola Osteriola 2024
(©Ufficio Stampa Comune Imola)

Castellari: “E’ importante ricordare le persone che hanno sacrificato la vita”

In occasione del 79° anniversario della Liberazione e dell’80° anniversario della Resistenza, si è svolto l’incontro a ricordo degli antifascisti e dei partigiani di Osteriola: Lino Afflitti, Otello Cardelli, Candido Contoli, Zelino Frascari, Armando Gardi, Enea Suzzi, Angelo Volta.

Alla cerimonia sono intervenuti Gabrio Salieri, presidente Anpi Imola, Fabrizio Castellari, vice sindaco, Daniele Bassi, sindaco di Massa Lombarda, Paola Pula, sindaco di Conselice e Vittorio Gardi, partigiano. Erano presenti anche i famigliari dei caduti e rappresentati delle Anpi di Sesto Imolese, Massa Lombarda e Conselice.

“Abbiamo ricordato i sette antifascisti e partigiani caduti che provenivano dal territorio di Osteriola e dintorni, quattro dei quali fucilati nei pressi dei ruderi della stazione bolognese di San Ruffillo e tre uccisi in precedenza, sempre dai nazifascisti – ha sottolineato il vice sindaco di Imola, Fabrizio Castellari -. E’ stata la prima cerimonia dopo l’insediamento del “Tavolo di confronto” istituito in occasione dell’80° anniversario della Liberazione. Questa memoria viva vuole essere un messaggio forte ancora oggi. I partigiani e gli antifascisti diedero la vita per ripristinare la democrazia e preparare un mondo più giusto e senza guerre. Per questo è importante ricordare le persone che hanno sacrificato la vita e assieme ricordare perché lo hanno fatto, il grande anelito verso il futuro che li ha animati. Non dimentichiamo mai le nostre radici. Mai come oggi vale la pena riaffermare che l’antifascismo è patrimonio di tutti. Questo territorio ha nella Resistenza e nella lotta per la libertà e la democrazia radici forti che ci aiutano a costruire un futuro migliore”.