Digitale Nuovo Circondario Imolese
(©Ufficio Stampa Nuovo Circondario Imolese)

I centri saranno attivi fino a dicembre 2025 e prevedono l’assistenza individuale al cittadino e l’organizzazione di corsi di formazione e di progetti speciali

La rete territoriale di supporto ai cittadini per utilizzare le nuove tecnologie (mail, PEC, SPID, fascicolo sanitario elettronico, PAGO PA, utilizzo home-banking, creazione di casella mail o PEC ecc.) si arricchisce con un nuovo progetto finanziato con le risorse del PNRR dal titolo “Digitale Facile”.

Sono attivi 7 punti di facilitazione digitale

Da qualche giorno nei Comuni del Nuovo Circondario Imolese sono attivi 7 punti di facilitazione digitale, nei quali un facilitatore supporterà i cittadini offrendo assistenza e formazione gratuita per imparare l’uso delle nuove tecnologie. I servizi a cui i cittadini potranno accedere sono molteplici:  da come creare e utilizzare una email a come prenotare un appuntamento online, dalla stampa, compilazione, firma, scansione e invio di un modulo all’attivazione e utilizzo SPID, dall’attivazione e utilizzo del fasciolo sanitario elettronico all’ attivazione e utilizzo dell’app Io e PagoPA, dal’utilizzo home banking e app di pagamento, all’utilizzo di app e servizi per la firma digitale, dal supporto al corretto utilizzo e manutenzione software di smartphone e/o del computer utilizzo di semplici app per l’economia domestica e la gestione delle spese familiari.

Il Nuovo Circondario Imolese, dopo un percorso di co-progettazione con Enti del Terzo Settore, ha affidato il servizio in convenzione a Officina immaginata Società cooperativa sociale (capofila di una rete di Associazioni che comprende “Giorgio Rambaldi per l’impegno sociale – APS”, La Strada ODV, Santa Maria della Carità ODV – ETS, Struttura comprensoriale ANCESCAO APS Imola) che attraverso proprio personale gestirà i 7 punti di facilitazione digitale. L’iniziativa rientra all’interno del progetto regionale “Rete dei servizi di facilitazione digitale” per l’attuazione della misura 1.7.2 del PNRR. Il Nuovo Circondario ha ottenuto dalla Regione per questa iniziativa un contributo di € 278.250,00;

Oltre all’assistenza individuale, anche corsi di formazione in gruppi

I 7 punti, che rimarranno attivi fino a dicembre 2025, prevedono oltre all’assistenza individuale verso tutti coloro che vorranno, l’organizzazione di corsi di formazione in piccoli gruppi e progetti speciali, per i giovani con scarse competenze digitali, con i centri sociali e per i cittadini residenti nei Comuni Montani con sportelli itineranti. Chiunque può prendere un appuntamento e prenotare un incontro in uno dei punti di facilitazione più comodo, oltre a richiedere di partecipare a corsi di formazione su specifiche tematiche.

Secondo la Vice-Presidente del Nuovo Circondario Beatrice Poli: “l’apertura dei 7 punti di facilitazione digitale sul territorio rappresenta un servizio importante per tutti coloro che desiderano avvicinarsi e imparare le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Si tratta di un servizio rivolto a tutti, donne e uomini, residenti sul territorio del Nuovo Circondario, che desiderino apprendere potendo usufruire dei vantaggi che oggi il digitale ci offre anche in termini di risparmio di tempo e miglioramento della qualità della vita”

L’Assessore all’e-government e servizi informativi del Comune di Imola, Elena Penazzi, sottolinea: “l’apertura dei 7 punti di facilitazione è una grande opportunità per il territorio per non far rimanere indietro nessuno. I 7 punti saranno gestiti da facilitatori della Cooperativa sociale Officina Immagata che, anche grazie all’apporto di altre realtà associative del territorio, siamo sicuri contribuiranno a rendere agevole e facile l’apprendimento per tutti. Il servizio è completamente gratuito per i cittadini e invitiamo tutti coloro interessati a prendere appuntamento o a recarsi direttamente in uno dei punti dislocati sul territorio, avendo scelto legittimamente di servire tutto l’ambito circondariale con punti dislocati in quasi tutti i Comuni e con un servizio itinerante di 8 ore settimanali per i Comuni della Vallata di Fontanelice, Castel del Rio e Borgo Tossignano”.

Per il Responsabile del settore digitalizzazione, promozione e comunicazione della Regione Emilia-Romagna Fabio de Luigi: “si tratta di un progetto finanziato con fondi PNRR, attivo in tutta Italia, di cui la Regione Emilia Romagna è soggetto attuatore. L’obiettivo dell’iniziativa, oltre a creare una base conoscitiva diffusa su tutta la popolazione del territorio, è quello di costruire delle vere e proprie fondamenta digitali. Queste fondamenta, grazie anche alle risorse FESR, rappresentano il punto di partenza per la creazione di una vera e propria comunità digitale”.