Coltello sequestrato a Bologna
(©Ufficio Stampa Carabinieri)

Il pronto intervento delle forze dell’ordine ha evitato un epilogo peggiore

Nella tarda mattinata di domenica i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bologna sono intervenuti in Piazza XX settembre, dove era stata segnalata una lite con coltello tra due uomini.

L’invio immediato di tre pattuglie dell’Arma ha consentito di bloccare i due contendenti, che si erano dati alla fuga non appena udito il sopraggiungere delle sirene in lontananza. Un 30enne, straniero, presentava una ferita penetrante alla schiena; il 50enne italiano, invece, escoriazioni al mento e una profonda ferita al gomito.

Le indagini dei Carabinieri hanno consentito in breve tempo di ricostruire la vicenda: l’italiano, che voleva fumare della droga, aveva dato in pegno il proprio telefono cellulare, non avendo con sé dei soldi. L’offerta era stata accettata dallo straniero ma, al rifiuto di restituire il telefono, l’italiano ha reagito sferrando un fendente che, fortunatamente, è penetrato per pochi centimetri.

Entrambi sono stati medicati: lo straniero dimesso con 20 giorni di prognosi, l’italiano, invece, è stato tratto in arresto per lesioni personali aggravate e dovrà comparire dinanzi al Giudice del Tribunale monocratico per l’udienza di convalida e il giudizio per direttissima.