Cuccioli gettai nella campana del vetro
(©Ufficio Stampa LNDC Animal Protection)

Sono Mirtilla e Apollo, uno dei due cuccioli simil setter cerca casa

Sono in buona salute i due cuccioli che a metà maggio scorso, a pochi giorni di vita, sono stati gettati nella campana del vetro come rifiuti a Ozzano dell’Emilia. Doppiamente salvati, prima dall’operatore che la stava svuotando e ha sentito un flebile guaito e poi dalle persone che se ne sono prese immediatamente cura, hanno oggi poco più di un mese e si chiamano Mirtilla e Apollo. 

Dopo le prime cure all’Università di veterinaria di Ozzano i piccoli sono stati presi in cura, appena dimessi dalla clinica, da due sorelle, Lucrezia e Sofia. “I cuccioli sono due simil setter e sono stati buttati nella campana del vetro che avevano qualche giorno di vita”, racconta Lucrezia, che continua: “Avevano ancora il cordone ombelicale attaccato. Grazie al coinvolgimento di mia sorella, che è studentessa a Veterinaria e ha assistito i cagnolini appena arrivati, abbiamo deciso di portarli a casa e li stiamo svezzando con il biberon. Li abbiamo chiamati Mirtilla e Apollo, ma purtroppo ne potremo tenere solo uno dei due, decidere chi… è difficilissimo!”. 

LNDC Animal Protection, che appena appresa la notizia ha immediatamente sporto denuncia, si augura che le indagini in corso possano trovare il colpevole e che questo reato sia punito ai sensi di legge. “Un gesto ignobile e spregiudicato che denota una totale insensibilità alla vita oltre a una cieca crudeltà”, ha argomentato la presidente LNDC Piera Rosati. 

Mirtilla e Apollo stanno crescendo e l’associazione vuole fare eco alla ricerca delle due ragazze per trovare una nuova famiglia a uno dei due (scrivendo a lucrezia.fabbri@studio.unibo.it) e, come ha già annunciato, continuerà a seguire da vicino la vicenda augurandosi che possano emergere dalle indagini in corso filmati o testimonianze che inchiodino il colpevole due morti scampate per miracolo.