Volante carabinieri 112
(Ufficio Stampa Carabinieri)

L’uomo, gravato da precedenti di polizia, è stato tradotto al carcere Rocco D’Amato di Bologna

I Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Vergato hanno eseguito un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, nei confronti di un 46enne italiano, indagato dalla Procura della Repubblica di Bologna per furto continuato in abitazione e indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento diversi dai contanti.

La misura cautelare è stata emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna, a seguito della richiesta del Pubblico Ministero che ha coordinato le indagini. Queste sono state avviate dai Carabinieri a seguito di una serie di furti in abitazione con asportazione di gioielli, contanti e carte di credito che erano state successivamente utilizzate indebitamente.

Fatti accaduti nell’Appennino bolognese tra febbraio e maggio 2024, ai danni di persone anziane. Grazie alla testimonianza delle vittime che avevano riferito di essere state avvicinate in giardino o direttamente in casa da un uomo adulto che cercava informazioni, i Carabinieri sono riusciti a risalire all’identità del presunto responsabile, un 46enne italiano, gravato da precedenti di polizia.

Rintracciato dai Carabinieri, il 46enne è stato arrestato e tradotto presso la Casa circondariale – Rocco D’Amato di Bologna.