Logo Bologna Estate

Cinque mesi di cultura e socialità in sicurezza per il cartellone metropolitano più grande d’Italia

Aperta il 7 maggio da un’edizione speciale di Art City, Bologna Estate si è chiusa il 15 ottobre con un bilancio di oltre 4700 eventi diffusi in tutto il territorio metropolitano per 162 giornate di attività, in un’offerta variegata di cinema, teatro, musica, danza, visite guidate, attività outdoor e tante altre occasioni per vivere la cultura e la socialità in sicurezza.

Un cartellone estivo che, nonostante le limitazioni imposte dal Covid-19 per il secondo anno consecutivo, ha segnato la ripartenza delle realtà culturali cittadine: 300 operatori pubblici e privati hanno lavorato in Bologna Estate 2021 coinvolgendo nell’arco di cinque mesi più di 10000 artisti, 4000 tecnici e organizzatori professionisti e altrettanti volontari.

Il pubblico ha sfiorato il milione di presenze distribuite in modo capillare e sicuro in ben 616 luoghi disseminati tra centro storico e quartieri periferici, pianura bolognese e Appennino per una stagione che ha salutato anche il ritorno dei turisti in tutta l’area metropolitana, con numeri che in agosto si sono rivelati superiori a quelli registrati nel 2019 prima della pandemia.

Avevamo scommesso su un’estate diffusa e di prossimità, fatta di cultura, benessere e divertimento per tutte e tutti, dalle piazze del centro ai parchi dei Quartieri ai percorsi metropolitani, e il risultato è andato oltre ogni aspettativa – dichiara il Sindaco di Bologna Matteo LeporeIl ritorno al lavoro del mondo della cultura e il ritorno alla vita sociale sono avvenuti in totale sicurezza e con il sorriso: Bologna e la città metropolitana si confermano il territorio a più alta densità culturale d’Italia“.

È stata l’estate delle piazze, che ha invitato i cittadini a ritrovarsi in luoghi cari e simbolici del centro storico in nome della cultura. Per prima la novità di una Piazza San Francesco occupata dal teatro con la rassegna San Francesco di sera. Questa piazza è uno spettacolo! a cura della Fondazione ERT, che ha avuto quasi 5.000 spettatori in 34 serate. A settembre invece è stata protagonista Piazza Verdi grazie alla nuova rassegna Verdi Viva. La piazza cambia musica ideata da Fondazione Rusconi in Piazza Verdi, con diciotto serate di concerti e incontri a tema musicale che hanno visto partecipare 2.000 persone. 

Piazza Maggiore con Sotto le stelle del cinema si conferma una delle mete più amate di Bologna Estate, ma la rassegna di Cineteca con cinquanta serate di grande cinema tra giugno ed agosto totalizza 70.000 spettatori anche grazie a LunettArena, lo schermo gemello montato alla Lunetta Gamberini per consentire a più persone di partecipare alle proiezioni dato il contingentamento dei posti in piazza dovuto alla misure antiCovid.

Le arene estive incontrano il favore del pubblico: l’Arena Puccini ha ospitato 25.000 spettatori ottenendo il miglior risultato di un’arena a pagamento in Italia nell’estate 2021, così come si confermano nel cuore dei bolognesi le rassegne di cinema in città metropolitana Serenere, B’Est Movie e Rocca Cinema Imola.

Tra i progetti di punta dell’estate bolognese 2021, la rassegna InOsservanza, curata da Archivio Zeta a Villa Aldini: un progetto di residenza artistica e rigenerazione, che ha rivitalizzato da maggio a ottobre uno dei luoghi più belli ed evocativi della prima collina bolognese con un calendario di appuntamenti di teatro, danza, letture, musica e socialità.

La musica dal vivo è tornata protagonista con le rassegne e i festival consolidati Pianofortissimo all’Archiginnasio, Sunshine Superheroes al DLF, Covo Summer e molte rassegne in città metropolitana tra cui Imola in musica e Borghi e frazioni in musica ma anche con progetti nuovi come Sequoie Music Park alle Caserme Rosse e NOVA Bologna che ha riunito cinque tra i principali attori della scena musicale bolognese (Estragon Club, Covo Club, Dumbo, roBOt Festival e TPO) per una stagione di concerti nell’arena da mille posti a DumBO.

Fra le novità dell’estate Lavoropiù Overnight Oltre il giardino in Piazza Carducci che ha visto il debutto del giardino monumentale di Casa Carducci come palcoscenico straordinario per una rassegna di musica jazz, incontri con gli autori, talk e performance artistiche mentre la rassegna Luci della città, realizzata per il secondo anno in Bolognina con il contributo di Enel Energia, ha saputo mixare la presenza di grandi artisti della scena nazionale con un ciclo di laboratori creativi sul riuso degli scarti, dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie.

Tante ancora le conferme del cartellone estivo tra rassegne e festival ormai diventati appuntamento fisso per i bolognesi come Cuore d’Aria di Teatri di Vita, Atti sonori al Teatro del Baraccano, A Summer Musical Festival della Bernstein School of Musical Theatre, Biografilm, Gender Bender, Danza Urbana, il Festival Scenario e perAspera.