Libri
(©Shutterstock.com)

Il contributo può essere richiesto per una o più presenze fieristiche, svolte in Italia o all’estero tra l’1 gennaio e il 31 dicembre 2022

Un contributo per la partecipazione a fiere dell’editoria, italiane o estere, rivolto a case editrici emiliano-romagnole. Un sostegno a spese per stand individuali o collettivi, iscrizioni a fiere, ingaggio di personale esterno, viaggio, vitto e alloggio dei dipendenti dell’impresa, gestione di spazi, trasporti, assicurazioni. 

La Regione Emilia-Romagna stanzia 150 mila euro, nell’ambito della Legge regionale per la promozione e il sostegno di quest’ambito, riconoscendo l’editoria del libro quale settore rilevante dell’industria culturale e creativa, per supportarne lo sviluppo e l’internazionalizzazione della produzione.

Al bando, possono presentare richiesta di contributo le case editrici che abbiano sede in Emilia-Romagna, per la partecipazione a una o più fiere svolte tra l’1 gennaio e il 31 dicembre 2022.

Ogni casa editrice può presentare una sola domanda di contributo, relativa alla partecipazione a una o più manifestazioni fieristiche. La domanda deve essere inviata tramite Pec, entro il 20 settembre 2022.

Può essere ammessa al contributo anche la partecipazione a fiere svolte in Italia o in altri Paesi e non comprese nell’elenco, purché adeguatamente motivata dalla casa editrice richiedente sulla base della coerenza tra la specificità tematica della fiera e la specializzazione o peculiarità della propria produzione editoriale.

Tutte le informazioni sul bando sono disponibili sul sito del Settore Patrimonio culturale (https://patrimonioculturale.regione.emilia-romagna.it). 

In occasione della pubblicazione del bando, lo stesso sito ha dedicato all’editoria del libro emiliano-romagnola un’area tematica con approfondimenti sulla legge, sulla programmazione degli interventi, sulla filiera regionale e sulla storia dell’editoria in Emilia-Romagna attraverso i patrimoni conservati negli istituti culturali del territorio.