Mente Locale 22 Sower of stars
(©Ufficio Stampa Mente Locale - Visioni sul territorio)

Si è chiusa fra gli applausi la nona edizione del festival dedicato al racconto del territorio

Dopo quattro giornate intense di proiezioni in sale gremite di pubblico a Bazzano, Savignano sul Panaro, Loiano e Vignola, e un’emozionante cerimonia di premiazione dei film vincitori, svoltasi domenica 20 dicembre a Vignola in due luoghi speciali, la Sala dei Contrari della Rocca e Palazzo Barozzi, si è chiusa con successo la nona edizione di Mente Locale – Visioni sul territorio, il primo festival italiano dedicato alla scoperta dei molti modi di raccontare un territorio attraverso il cinema del reale.

Un’edizione ricca con una selezione internazionale di opere e diversi eventi paralleli tra cui la tavola rotonda sugli archivi con Paolo Fresu e i registi Gianfranco Cabiddu, Gianfranco Cabiddu, Michele Mellara e Alessandro Rossi, che confermano la costante crescita del festival, sia di pubblico, sia di qualità dell’offerta di film e di visioni da tutto il mondo. Grande successo anche online, grazie alla possibilità di vedere in streaming sulla piattaforma Docacasa.it tutte le opere in concorso, rimaste visibili fino a lunedì 21 novembre.

La giornata finale, domenica 20 novembre, ha visto sul palco della Sala dei Contrai della Rocca di Vignola, la giuria internazionale, quest’anno presieduta da Leena Pasanen (già direttrice dell’European Documentary Network, del DOK Leipzig e di Biografilm Festival) e composta da Gianfranco Cabiddu (regista e sceneggiatore), Michele Manzolini (regista ed esperto di cinema d’archivio), Enza Negroni (regista e presidente DER-Documentaristi Emilia-Romagna) e Marco Cucco (Docente DAR-Università di Bologna), assegnare il Premio Mente Locale – Visione Globale del valore di 2000 euro per il miglior documentario del concorso e il nuovo Premio Mente Locale – Visioni d’Archivio per il documentario che ha saputo valorizzare maggiormente l’uso di materiale d’archivio del valore di 1000 euro a Silence on the riverside (Silencio en la ribera) di Igor Galuk. Ha poi conferito il nuovo premio “Suono e territorio” al regista dell’opera con la miglior colonna sonora, consistente in un tamburo a cornice realizzato dall’artigiano Gianluca Carta, a The Sower of Stars (El sembrador de estrellas) di Lois Patiño. Il premio in denaro di 500 Euro assegnato dal Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano è andato invece a Transumanze di Andrea Mura; mentre il premio di 500 Euro del Consorzio della Bonifica Renana è stato consegnato a Innesti di Sandro Bozzolo; e quello di SAYONARA FILM per la distribuzione del miglior cortometraggio in concorso è stato dato a Anaklia di Elisa Baccolo

Infine, la Menzione Speciale del Touring Club Italiano e la Menzione Speciale del Segretariato Regionale MiC Emilia Romagna è stata consegnata a la Moda del Liscio di Alessandra Stefani, e la Menzione Speciale DAR assegnata da una giuria composta da studenti del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna è andata a The Yellow Queen. A road movie di Lucio Arisci.

La cerimonia di premiazione ha visto anche l’intensa esibizione musicale di Gianluca Carta, il suonatore e costruttore di tamburi a cornice e sciamanici, polistrumentista, che ha realizzato il tamburo per il premio “Suono e territorio”, e la visione in anteprima del video promozionale San Giovanni in Persiceto-Una terra da scoprire realizzato nell’ambito del progetto di Emilbanca Grand Tour, presentato dai suoi autori e dal suo protagonista Stefano Bicocchi in arte Vito.