Imola Casa Quadrilumi

Selezionati le finaliste e i finalisti per la seconda edizione del progetto di residenza artistica diffusa nei sei Distretti culturali della Città metropolitana di Bologna che si svolgerà dal 29 aprile al 28 luglio 2024

Dopo l’esito positivo avuto nel 2023 dalla prima edizione del Nuovo Forno del Pane Outdoor Edition, il Comune di Bologna e la Città metropolitana di Bologna rinnovano l’impegno per sostenere il progetto della residenza artistica diffusa nei sei Distretti culturali dell’area metropolitana.

Nato dall’innovativa esperienza del Nuovo Forno del Pane, promossa nel 2020 dal MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna per supportare la comunità artistica durante l’emergenza Covid-19 offrendo loro uno spazio di ricerca e produzione, il Nuovo Forno del Pane Outdoor Edition darà anche quest’anno ai sei candidate e candidati, selezionati tramite avviso pubblico, la possibilità di sviluppare progetti artistici individuali e condivisi interagendo con il territorio in cui saranno ospitati.

I 6 vincitrici e vincitori dell’avviso, che si è chiuso lo scorso 21 marzo con 86 candidature provenienti da tutta Italia, sono stati selezionati da una commissione presieduta dal direttore del MAMbo, Lorenzo Balbi, e composta da membri esperti interni allo staff del museo. Ad artiste e artisti verrà data la possibilità di vivere, lavorare, produrre opere, interagire con il territorio e dar vita a progetti artistici individuali e condivisi nell’ampio raggio dei sei Comuni degli altrettanti Distretti culturali della Città metropolitana.

In occasione del 60° anniversario della morte di Giorgio Morandi, il Nuovo Forno del Pane Outdoor Edition 2024 riserva, in rappresentanza del Distretto culturale Montagna, una residenza e uno spazio di lavoro presso i Fienili di Campiaro, nel Comune di Grizzana Morandi, luogo molto amato e spesso riprodotto dal pittore bolognese nella sua prolifica produzione artistica.

La novità si inserisce nell’ambito del Tavolo Morandi, progetto promosso dal Comune e dalla Città metropolitana di Bologna, dal Comune di Grizzana Morandi, dal Museo Morandi e dal Settore Musei Civici Bologna con il Museo Morandi e il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, che valorizza l’universo del maestro attraverso la realizzazione di eventi e la proposta di itinerari nei luoghi da lui vissuti.

Le artiste e gli artisti selezionati e i luoghi in cui lavoreranno in residenza sono i seguenti:
1) Gianlorenzo Nardi (Giulianova, Teramo, 1995) – Distretto culturale Savena-Idice, Loiano
2) Marco Mandorlini (Pontedera, Pisa, 1998) – Distretto culturale Pianura Est, San Marino di Bentivoglio
3) Andrea Di Lorenzo (Varese, 1994) – Distretto culturale Montagna, Grizzana Morandi
4) Adele Dipasquale (Torino, 1994) – Distretto culturale Imolese, Imola
5) Gaetano Palermo (Catania, 1998) – Distretto culturale Pianura Ovest, Sant’Agata Bolognese
6) Letizia Lucchetti (Ancona, 1999) – Distretto culturale Reno Lavino Samoggia, Madonna di Rodiano, Valsamoggia.

Candidate e candidati sono stati selezionati sulla base della documentazione presentata; particolare peso ha avuto il portfolio, la lettera motivazionale e l’idea progettuale che è stata valutata in base a fattibilità, originalità e impatto della proposta sul sistema culturale metropolitano.

Durante il periodo di residenza, previsto dal 29 aprile al 28 luglio 2024, le artiste e gli artisti saranno coinvolti in approfondimenti dedicati alle loro ricerche individuali, in un’ampia attività relazionale fatta di studio visit, conversazioni, open studio, relazioni pubbliche sui progetti realizzati, oltre a un programma pubblico di workshop e conferenze. Le esperienze realizzate saranno raccontate tramite i canali di comunicazione dei soggetti coinvolti nel Nuovo Forno del Pane Outdoor Edition 2024.

Una specifica attenzione sarà riservata alla creazione di un programma di auto-apprendimento, concepito dalle artiste e dagli artisti insieme allo staff del museo, al fine di condividere collettivamente nuove pratiche, conoscenze e desideri.
Le opere e i progetti eventualmente prodotti rimarranno di proprietà delle artiste e degli artisti.

La rete dei Distretti culturali sarà parte attiva nella costruzione occasionale di scambio e collegamento con il territorio.
Prima dell’inizio del periodo di permanenza, ai 6 vincitrici e vincitori viene offerta l’opportunità di conoscere i servizi e le vocazioni del territorio e dei sei Distretti culturali, grazie a un accompagnamento mirato realizzato in collaborazione con Bologna for Talent, il servizio della Città metropolitana di Bologna e del Comune di Bologna dedicato allo sviluppo di progetti per l’attrazione e la valorizzazione dei talenti.

Il progetto della nuova edizione del Nuovo Forno del Pane Outdoor Edition rappresenta un contributo di grande importanza per lo sviluppo del sistema culturale e museale metropolitano nel suo rapporto con la creatività contemporanea e con il territorio quale spazio di produzione e di comunità creativa” dichiara Eva Degl’Innocenti, direttrice del Settore Musei Civici Bologna.

Grazie al Nuovo Forno del Pane Outodoor Edition, con il rinnovo della messa in rete dei centri di produzione culturale dei Distretti della Città metropolitana di Bologna e del coinvolgimento di giovani artiste e artisti meritevoli ai quali si offrono spazi di lavoro e opportunità di ricerca, il museo consolida la sua capacità di alimentare nuove energie creative e di rinnovare relazioni con il territorio. – spiega Lorenzo Balbi, direttore del MAMbo – Quando si pensa a un progetto, la vera sfida da vincere è quella legata alla sua continuità nel tempo e il Nuovo Forno del Pane Outdoor Edition giunge quest’anno alla sua seconda edizione”.

Il progetto Nuovo Forno del Pane Outdoor Edition è a cura di Lorenzo Balbi, Caterina Molteni e Sabrina Samorì, con il coordinamento di Giulia Pezzoli.

L’edizione 2024 dell’iniziativa riconferma l’identità visiva del 2023, ideata da Giulio Ferrarella (al mare.Studio), che trae ispirazione dalle ciminiere dell’edificio Ex Forno del Pane, oggi sede del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, e alimenta, a livello simbolico, l’idea di produzione e condivisione che sta alla base del progetto.

Si ringrazia T-per per la sponsorship tecnica.