Palazzo Boncompagni ingresso
(©Ufficio Stampa Palazzo Boncompagni)

Il 30 maggio Palazzo Boncompagni ospita il terzo incontro della serie dedicata ad approfondire la cultura che ha permeato l’epoca e la storia della dimora di papa Gregorio XIII

Giovedì 30 maggio Palazzo Boncompagni ospita il terzo appuntamento de I pomeriggi di Palazzo Boncompagni, ciclo di conferenze a cura di Sonia Cavicchioli in collaborazione con il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell’Università di Bologna.

Il terzo appuntamento, l’ultimo per questo primo ciclo di conferenze, vedrà l’intervento di Paola Goretti, storica dell’arte e del costume (in calce la bio della relatrice), che presenterà al pubblico “La memoria delle vesti. La moda nell’età di Gregorio XIII”.

La relatrice, partendo dalla ritrattistica internazionale, analizzerà come, dalla seconda metà del XVI secolo, nella moda europea si imponga il modello spagnolo. Il progressivo esilio del corpo, il rigore delle vesti coniche, la cancellazione delle scollature, il profluvio di elementi decorativi sovrastanti (che paiono un risarcimento alle proibizioni della sensualità), il diluvio delle vesti al nero: ecco alcuni elementi del protocollo estetico, soggetto al disciplinamento di gravitas et decorum, professato tanto dalla crescente legislazione suntuaria che dagli ammaestramenti della trattatistica. E sono i caratteri di matrice fortemente conservativa, volti alla proclamazione di un robusto lessico familiare rivendicato anche per mezzo di un’adeguata liturgia delle vesti, a essere individuabili nella ritrattistica bolognese del tardo Cinquecento.

Bologna, seconda città dello stato pontificio, non è una capitale del lusso ma ne diviene ambasciatrice. Prospero Fontana, Bartolomeo Passerotti, Ludovico Carracci illustrano il potere delle famiglie senatorie, tra ostentazione e virtuosismo. E Lavinia Fontana, singolar pittoressa (autrice anche di un solenne ritratto a Gregorio XIII), il canto e l’incanto degli affetti domestici.

L’appuntamento, aperto al pubblico (fino ad esaurimento posti con prenotazione obbligatoria sul sito di Palazzo Boncompagni https://palazzoboncompagni.it/prenota-conferenza-30-5-2024/) si svolgerà alle ore 17.30.

I prossimi appuntamenti di Palazzo Boncompagni

Oltre alla conferenza del 30 maggio, per le prossime settimane la dimora di Papa Gregorio XIII propone agli amanti dell’arte e della cultura alcune aperture speciali che permetteranno di visitare fino al 9 giugno la mostra “Mimmo Paladino nel Palazzo del Papa” che raccoglie alcune delle opere più significative dell’artista di fama internazionale.

L’esposizione sarà infatti aperta al pubblico tramite visite guidate (a pagamento e su prenotazione sul sito www.palazzoboncompagni.it) venerdì 31 maggio e sabato 1 giugno (dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.30), domenica 2 giugno, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.30 e sarà visitabile nel corso del Bologna Portici Festival nelle giornate di martedì 4 giugno e mercoledì 5 giugno (alle 17.30), giovedì 6 giugno (alle 15.30) e da venerdì 7 a domenica 9 (dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.30)