Mostra Mimmo Paladino Palazzo Boncompagni
(©Ufficio Stampa Palazzo Boncompagni)

Grande successo per l’esposizione ospitata nella dimora di Papa Gregorio XIII

Si è chiusa ieri con oltre 6300 visitatori la rassegna “Mimmo Paladino nel Palazzo del Papa”, curata da Silvia Evangelisti, presentata in occasione del 50esimo anniversario di Arte Fiera e ospitata a Palazzo Boncompagni. Una mostra che ha suscitato grandissima attenzione da parte della città e di un pubblico nazionale e internazionale che ha visto un flusso costante di turisti e appassionati d’arte affollare la storica dimora di Papa Gregorio XIII durante ogni giorno di apertura al pubblico con grande partecipazione in occasione del weekend.

La mostra originariamente prevista fino al 7 aprile, vista la grande richiesta di prenotazioni, aveva spinto la Fondazione Palazzo Boncompagni e il maestro Mimmo Paladino a prolungare l’apertura, di ben due mesi, con finissage il 9 giugno. Un richiamo costante fra antichità e modernità che non ha mancato di colpire l’attenzione delle migliaia di turisti e appassionati d’arte che hanno visitato la mostra, sotto la sapiente conduzione di giovani guide molto preparate. Una rassegna che ha avuto anche una grandissima attenzione sulla stampa locale e nazionale grazie alle numerose iniziative che hanno costellato questi mesi.

Siamo stati contentissimi di questa risposta del pubblico e onorati per la decisione di Mimmo Paladino di prolungare l’esposizione fino a giugno – commenta Paola Pizzighini Benelli, presidente della Fondazione Boncompagni -. Oggi festeggiamo un risultato che nasce dalla grande armonia che si è creata tra gli ambienti della dimora di Papa Gregorio XIII e le opere del Maestro, dando vita a un suggestivo dialogo fatto di richiami continui: le rosse statue di ‘Respiro’, ad esempio, hanno rievocato la visita dei primi ambasciatori giapponesi che incontrarono il pontefice, l’eleganza dell’alta spirale di alluminio e bronzo ha richiamato l’armonia della scalinata del Vignola cui è posta di fronte, i tredici cavalli neri protagonisti dalla Sala delle udienze papali hanno dialogato con le figure che popolano il soffitto affrescato dalla scuola di Pellegrino Tibaldi. Anche per il futuro continueremo su questa strada: esaltare attraverso l’arte contemporanea il contesto del Palazzo di cui conserviamo e tuteliamo il patrimonio”.

Le attività di Palazzo Boncompagni ora proseguono con la programmazione per i mesi estivi all’interno di Bologna Estate 2024, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla città metropolitana di Bologna – Territorio turistico Bologna-Modena: nelle serate di giovedì 13, 20 e 27 giugno e di giovedì 4, 11, 18 e 25 luglio, la residenza papale riaprirà i propri battenti per le suggestive visite guidate con aperitivo. Organizzate in tre turni (alle 18.00, alle 19.00 e alle 20.00 con prenotazione obbligatoria sul sito web dei Palazzo Boncompagni al link www.palazzoboncompagni.it/mostra/palazzo-boncompagni-di-sera), permetteranno ai visitatori di scoprire la suggestione degli ambienti della dimora pontificia concludendo la visita con un rinfrescante aperitivo organizzato nella loggia sotto lo sguardo della magnolia secolare che troneggia nel giardino interno.

Nelle giornate di sabato 15, 22 e 29 giugno e sabato 6, 13, 20 e 27 luglio, poi, tornano gli appuntamenti con “Estate a Palazzo”: visite guidate nel weekend (alle 11.00 e alle 12.00) per apprezzare ambienti e opere di Palazzo Boncompagni sotto la suggestiva luce del sole estivo. (prenotazioni obbligatorie su: www.palazzoboncompagni.it/mostra/estate-a-palazzo).

Grande attesa, infine, per due importanti appuntamenti con la musica classica in collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna nell’ambito della rassegna “Domenica in musica. Il Comunale attraversa la città”: domenica 16 giugno, Palazzo Boncompagni ospiterà alle ore 11 l’ensemble di Ottoni della Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna, , mentre domenica 14 luglio, al medesimo orario, le stanze papali risuoneranno delle arie suggestive di un grande maestro in occasione di “Omaggio a Puccini”. Entrambi gli eventi sono a ingresso gratuito.