Daniele Benatti presidente Nexxta
Il presidente Daniele Benatti (Ufficio Stampa Nexxta)

L’impresa fornisce servizi per studi odontoiatrici, cliniche odontoiatriche universitarie e altri laboratori

Nexxta spa non è un grosso laboratorio ma un progetto industriale, in campo odontotecnico, che tra i diversi obiettivi ha quello di creare una nuova cultura d’impresa, più adeguata all’evoluzione del mercato e più performante rispetto al modello individuale della dimensione artigiana.

“Nasciamo dalla fusione per incorporazione di C-oralia srl Bologna e D-entity srl con sedi a Modena e Rimini e adottiamo il soggetto giuridico della società per azioni per assecondare al meglio il piano di sviluppo 2021-2023”, spiega il presidente del Cda Daniele Benatti.  

Nexxta si è infatti dotata di una governance manageriale composta da un Consiglio di amministrazione che riporta a un comitato esecutivo di tre persone la gestione operativa della società: Daniele Benatti, presidente del Cda, Stefano Di Paolo, vicepresidente del Cda, e Piergiorgio Seganti, consigliere delegato.

Nel 2021 è stata formalizzata la prima acquisizione del nuovo corso: la Mignani Odontotecnica srl di Bologna. Con questa acquisizione entrerà nel Cda Giuseppe Mignani. In questo 2021, inoltre, sono in attesa di essere perfezionate almeno due acquisizioni.

Nexxta nelle tre sedi di Bologna, Modena e Rimini occupa circa 100 addetti. Il fatturato annuo si aggira sui 7 milioni di euro.

“Il settore dell’odontoiatria, in generale, e quello della protesica e dell’ortesica, nello specifico, ha bisogno di risposte nuove”, conclude Benatti. “Quando pensiamo alla nostra realtà imprenditoriale, pensiamo anche alle cose che vorremmo fare per il futuro del nostro settore. La scuola, tanto per fare un esempio, è un serio e grave problema del comparto odontotecnico. Senza una formazione di livello, le aziende odontotecniche rischiano il mancato ricambio generazionale. Per questo tra i nostri obiettivi, essendo Nexxta tra i soci fondatori dell’ITS Maker, c’è la realizzazione di uno specifico progetto formativo avanzato post diploma che crei le necessarie figure tecniche”.