Imola scavi domus del rasoio
(Ufficio Stampa Comune di Imola)

Venerdì 18 giugno, alle ore 17, incontro pubblico in presenza a Palazzo Tozzoni, in occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2021

I primi risultati dello scavo archeologico e il progetto di allestimento e valorizzazione dell’area archeologica all’interno del complesso conventuale del San Domenico, sede dei Musei civici, saranno illustrati nel corso di un incontro pubblico in presenza, in programma venerdì 18 giugno, alle ore 17 nel salone di Palazzo Tozzoni (Via Garibaldi 18 e viale Rivalta 93).

Organizzato dai Musei Civici di Imola e dalla Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, l’evento aderisce all’invito del Ministero della Cultura, di prendere parte alle Giornate Europee dell’Archeologia.

Queste Giornate sono nate sotto l’egida del Ministero della Cultura Francese, per mezzo  dell’INRAP – Istituto Nazionale di Ricerca Archeologia Preventiva – che, in seguito alla partecipazione all’evento di numerosi stati europei, dal 2020 ha preso il nome di Journées Européennes de l’Archéologie – JEA, impegnandosi a presentare al pubblico le attività scientifiche alla base di ogni ricerca archeologica, con particolare rilievo alle attività di archeologia pubblica preventiva.

L’area archeologica all’interno del complesso conventuale di San Domenico comprende tre ambienti pavimentati a mosaico relativi ad una ricca domus romana risalente al I secolo a.C. – la cosiddetta Domus del rasoio, nome che deriva dal ritrovamento di un rasoio con manico in bronzo a testa di pantera e lama in ferro usato per la rasatura maschile – e i resti di una officina quattrocentesca, destinata alla fusione delle campane della chiesa di San Nicolò e Domenico.

L’incontro offrirà un’anteprima dei risultati scientifici raggiunti da quest’importante campagna di scavi che ha restituito un interessantissimo spaccato di vita della città di Forum Cornelii, dalla sua fondazione fino alla creazione del complesso conventuale domenicano.

Ad introdurlo sarà il dott. Diego Galizzi, direttore dei musei civici, seguiranno gli interventi della dott.ssa Valentina Manzelli, funzionario archeologo competente territorialmente e degli archeologi dott. Daniele Mazzitelli (Phoenix Archeologia, ditta esecutrice degli scavi) e dott.ssa Roberta Michelini (studiosa delle fasi medievali).

“Vista la caratura dei relatori, questo evento sarà l’occasione per scoprire o approfondire la storia antica di Imola, per presentare al pubblico le attività scientifiche svolte negli scavi eseguiti in questi anni nel Museo San Domenico; questa iniziativa inoltre realizza quella volontà espressa da Comune e Soprintendenza di eseguire una comunicazione condivisa dei lavori archeologici e architettonici relativi al complesso conventuale di San Domenico – spiega Giacomo Gambi, assessore alla Cultura – Per la prima volta il Comune di Imola partecipa alle Giornate Europee dell’Archeologia e la diffusione dell’iniziativa anche tramite la piattaforma europea #Archeorama renderà fruibile l’attività proposta anche per interessati oltre confine. Ringrazio sentitamente la Soprintendente Arch. Lisa Lambusier e la funzionaria archeologa dott.ssa Valentina Manzelli della Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara per aver organizzato insieme con il Comune di Imola questa importante iniziativa, nel solco di quella fattiva collaborazione che si sta intrattenendo giornalmente presso il cantiere del nuovo Museo Archeologico nel complesso di San Domenico. Solo nel rapporto di stima e progettazione reciproca tra Enti si ottengono ottimi risultati per cittadini e turisti”.

L’ingresso è gratuito con posti limitati previa prenotazione, telefonando al 0542.602609 dal lunedì al venerdì 9-13 o inviando una mail a [email protected], scrivendo nome e numero di telefono per ricevere conferma L’evento verrà gestito nel rispetto delle normative vigenti in materia di contrasto della diffusione del virus Covid-19

La conferenza sarà inoltre registrata e visibile sui canali YouTube dei Musei Civici di Imola.