Imola mostre centro storico Baccanale
(Ufficio Stampa Comune di Imola)

Le piazze cittadine diventano palcoscenico della manifestazione con 2 esposizioni appositamente ideate

Per la prima volta, il Baccanale lascia i tradizionali spazi espositivi della città e trasforma le piazze principali in una mostra a cielo aperto, affidando a Paolo Beghini, illustratore di quest’anno, il compito di decorare il porticato di piazza Gramsci.

Paolo, giovane artista imolese, creatore di grafiche per l’advertising, il web e l’editoria, che vanta pubblicazioni su magazine e giornali come Il Sole 24 ore, Time, The Guardian Weekly, The Sunday Times, Travel Magazine, Die Zeit e Le Monde Diplomatique, ha scelto di intitolare la propria mostra “Porzioni abbondanti. Il gusto nell’illustrazione concettuale”.

Sua volontà è infatti quella di mettere al centro dellamostra l’illustrazione concettuale, che parte dalla definizione di metafora per comprenderne il senso. Come in linguistica infatti, dove questa figura retorica è costituita da una coppia di elementi semanticamente lontani e uniti nella stessa frase, così accade anche per le metafore visive. Si cerca di creare sul foglio una continuità, una normalità, tra due elementi di per sé separati tra loro, per dare vita a un’immagine con un nuovo significato, diverso dalla semplice somma dei due elementi.

Per veicolare un messaggio con chiarezza e semplicità è importante utilizzare elementi simbolici quotidiani al pubblico cui è rivolta l’illustrazione, specie se il messaggio dell’illustrazione è complesso. Tra questi possono esserci elementi comuni come quelli che caratterizzano un ambiente domestico e rituale come la cucina. La facilità di comprensione degli elementi dell’illustrazione è il cavallo di Troia per la comprensione del messaggio più complesso racchiuso nell’illustrazione.

“Porzioni abbondanti” è una raccolta, una porzione, di illustrazioni concettuali che hanno il cibo come comune denominatore. Abbondanti perché le dimensioni delle opere selezionate, che solitamente trovano vita a margine di un articolo di giornale o di un blog, sull’ordine di grandezza di millimetri e pixel, qui sventolano appese in grande formato nel centro cittadino.

«“Porzioni abbondanti” perché – afferma Beghini – mi piace pensare a questa mostra come a un piatto di portata che servo alla mia città».

In piazza Matteotti sarà allestita un’altra mostra tematica, sotto il portico che già nel 2015 (Baccanale, Basta un uovo) fu sede della mostra “Uova d’artista”.

Amaro è…” è una mostra nata prendendo spunto dalla celeberrima linea di manifesti della Campari, brand che ha saputo rendere l’amaro un’icona del gusto italiano. A partire dai manifesti della Campari è stata condotta una ricerca in importanti archivi fotografici, fra cui la Fondazione Alinari per la Fotografia di Firenze e le Civiche Raccolte “A.Bertarelli” di Milano, che ha prodotto un’interessante selezione di immagini tratte da campagne pubblicitarie storiche e aventi ad oggetto vari prodotti amari (cacao, caffè, birra, ecc.). Accanto ad esse sono state selezionate una serie di foto d’epoca che conducono il visitatore alla scoperta dei luoghi di produzione tradizionali di questi prodotti o più semplicemente che riconducono all’universo gustativo e sensoriale dell’amaro, un sapore generalmente sottovalutato e che, al contrario, è caratteristico di alcuni cibi molto amati come la birra, il cacao e il caffè.

La mostra “Amaro è…” è stata ideata anche come promemoria visivo del tema e di come verrà sviluppato nell’ambito del programma della manifestazione; un promemoria che invita tutti i cittadini a consultare il programma del Baccanale 2021, scegliendo tra gli oltre 100 eventi quello più vicino ai propri interessi a cui partecipare.

Le immagini, realizzate in formato 150×150 cm, andranno a comporre un percorso tutto da ammirare sul gusto amaro, per tutta la durata della manifestazione, dal 30 ottobre al 21 novembre, sempre aperto, senza orari e limitazioni di apertura al pubblico.

Sarà possibile partecipare a una visita guidata a entrambe le mostre nelle prime tre domeniche della manifestazione (31 ottobre, 7 e 14 novembre), alle ore 11 (primo turno) e alle ore 11.30 (secondo turno).

Info e prenotazione obbligatoria App ioPrenoto/Eventi oppure [email protected]