Copertina libro le muse del jazz
(Ufficio Stampa Bologna Jazz Festival)

Sabato 13 novembre Vanni Masala e Marilena Pasini presentano il loro nuovo libro “Le muse del Jazz”

Non solo concerti: nel Bologna Jazz Festival trovano spazio anche attività didattiche, conferenze, arti visive. E pure presentazioni editoriali, come quella di sabato 13 novembre al Museo internazionale e biblioteca della musica (ore 19:30; ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria a [email protected]).

Vanni Masala e l’illustratrice Marilena Pasini parleranno del loro nuovo libro Le muse del jazz (Edizioni Curci). Assieme agli autori saranno presenti anche due noti jazzisti come la cantante Carla Marcotulli e il chitarrista Sandro Gibellini, che interpreteranno alcuni dei brani musicali descritti nel volume (e che saranno poi protagonisti di un live all’ora di pranzo il giorno seguente alla Cantina Bentivoglio).

Il Bologna Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Bologna in Musica con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Bologna Città della Musica UNESCO, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione MAST, Fondazione Carisbo, Gruppo Unipol, Coop Alleanza 3.0, TPER, Città Metropolitana di Bologna, Peugeot, del main partner Gruppo Hera e con il sostegno del Ministero della Cultura.

Audrey, Cousin Mary, Sophisticated Lady, Laurie, Liza, Satin Doll, Stella by Starlight, Waltz for Debby… Sentiamo risuonare le note di queste canzoni leggendarie solo a leggerne il titolo. Ebbene, ciascuno di essi custodisce un volto di donna e la sua storia. In Le muse del jazz (Edizioni Cuci), Vanni Masala ne riscopre i tratti, le vicende e il legame con la musica, intrecciando il suo racconto con le illustrazioni di Marilena Pasini. La prefazione è di Ornella Vanoni.

Pagina dopo pagina scorre una galleria tutta al femminile di mogli e amanti, principesse e assassine, eroine e spettri, schiave e giornaliste, scrittrici e ballerine, musiciste e uomini che amavano vestirsi da donna. Profili tracciati con il gusto della ricerca e la leggerezza dell’aneddoto, sintesi di grandi epopee o piccole vicende umane.

Un omaggio al lato “femminile sconosciuto” del jazz ma non solo, poiché molte delle composizioni ispirate da queste muse hanno travalicato i confini del genere per influenzare anche il rock e la musica popolare, da George Gershwin a Demetrio Stratos.

Testi e immagini offrono così lo spunto per un autentico viaggio musicale, anche attraverso le incisioni segnalate dall’autore e le proposte della playlist onlinedisponibile tramite QR Code.

Giornalista professionista, Vanni Masala vive e lavora a Bologna. Dal 1985 ha lavorato e collaborato per quotidiani e settimanali tra cui l’Unità, il Corriere della Sera, il Messaggero, ha diretto siti web e realizzato trasmissioni televisive, documentari e numerose pubblicazioni giornalistiche. È tra i responsabili dell’Agenzia di Informazione della Regione Emilia-Romagna. Per passione e lavoro da oltre trent’anni scrive di jazz, anche come inviato e critico musicale. È nel gruppo direttivo del Bologna Jazz Festival.

Marilena Pasini, illustratrice, vive e lavora a Roma. Dopo la maturità artistica ha frequentato l’Accademia di Belle Arti. Ha lavorato come disegnatrice di tessuti e come decoratrice di ceramiche artistiche. Inizia a pubblicare come illustratrice per bambini nel 1992. Da allora ha pubblicato con Feltrinelli, Giunti Editore, Giunti-Lisciani, Mondadori, Allemandi & C, Nuove Edizioni Romane. Come autrice per bambini ha pubblicato con Editori Riuniti, Vallecchi Editore, Sinnos, L’Acerba.

Prima di Le muse del jazz, Masala e la Pasini hanno realizzato Io sono Michel Petrucciani, graphic novel (con i contributi di Alexander Petrucciani e Paolo Fresu) che racconta la straordinaria parabola umana e artistica del grande pianista e compositore francese, nato a Orange nel 1962 e morto a New York nel 1999 a soli 37 anni di età.