Mostra strumenti Budrio
Danilo Righi con uno dei suoi strumenti (Ufficio Stampa Comune Budrio)

In esposizione una ventina di strumenti musicali d’epoca provenienti da tutto il mondo

Domani, sabato 27 novembre, alle ore 17, presso la Sala Rosa di via Marconi 3/b, ci sarà l’inaugurazione della mostra “Musica sulle corde”, esposizione di strumenti musicali d’epoca.

La mostra rimarrà aperta fino al 6 gennaio, durante i giorni festivi dalle ore 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 19 e nei prefestivi dalle 16 alle 19.

Alle porte di Reggio Emilia, a San Martino in Rio, Danilo Righi ha creato una raccolta di strumenti musicali d’epoca d’eccezione.

Degli oltre cento pezzi della sua collezione, fisarmoniche, clarinetti, fagotti, pianoforti, chitarre classiche, lira, mezzalira, e strumenti particolari provenienti da mezzo mondo, come le bellissime trombe tibetane alte fino a tre metri, a Budrio ne saranno esposti 20.

Si tratta di antichi strumenti a corde fra cui una preziosa arpa del XVIII secolo ed una inestimabile ghironda del XIX secolo,  un sitar indiano la cui cassa è la corazza di un armadillo, un’arpa Cheras etiopica, un Ciarango boliviano, una Balalaika russa, un Sarangi indiano, una Valiha del Madagascar, un Ukulele ed infine una rara Violomba: lo strumento all’origine aveva una sola corda ed era suonato con l’archetto. Inventato da un musicista britannico nel 1901 si può considerare un ibrido non con la tromba ma con un grammofono.

La mostra è stata resa possibile grazie alla generosità di un collezionista che, contrariamente ai suoi colleghi coltiva da sempre l’ autentico desiderio di condividere i suoi strumenti con chi ama la musica e trasmettere la sua passione per il bello, il raro, l’inusuale.