Locandina Hike Bike Dozza
(Ufficio Stampa Comune Dozza)

Prevista anche la consegna ufficiale della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano

Si intitola ‘Hike&Bike – Cammini e itinerari per la valorizzazione territoriale’ il convegno, aperto al pubblico fino ad esaurimento dei posti disponibili, in programma il prossimo 25 maggio (ore 10.30) al teatro comunale di Dozza (via XX Settembre, 51).

Un prezioso momento di condivisione, organizzato sull’asse sinergico che accomuna gli intenti dell’amministrazione comunale locale e di IF Imola Faenza Tourism Company, che giunge al culmine del progetto di promozione turistica della rete sentieristica, itinerari e percorsi locali supportato dalla Regione Emilia Romagna.

Un’opera di valorizzazione del territorio da alimentare attraverso l’attivazione di uno specifico piano di marketing capace di intercettare quei flussi di visitatori in grado di instaurare nuove relazioni con produttori e soggetti della zona. Non solo. Spazio alle ricadute positive sullo scenario economico dell’area di riferimento e, nel tempo, alla creazione di posti di lavoro legati all’offerta settoriale. Così dal riconoscimento della strategicità delle greenways passa lo sviluppo di un’economia circolare e l’innalzamento del livello qualitativo di una proposta ben coordinata anche dal punto di vista della sua connotazione. Un quadro creativo e stimolante che, nella strutturazione di itinerari coinvolgenti in tutti gli ambiti di interesse comunali e circondariali, strizza l’occhio all’ascesa di un’attività motoria immersa nella natura particolarmente ricercata nelle nuove tendenze turistiche globali. Una modalità utile per innalzare i livelli di attrazione e posizionamento del territorio generando concreti indotti e benessere sociale per la comunità.

Stakeholder, tour operator ma anche tanti cittadini sensibili ad un tema che, nella ferma volontà di orientare la luce dei riflettori sull’avvenuto potenziamento del patrimonio sentieristico esistente, materializza evidenti e significative opportunità e ricadute sull’intero comparto ricettivo della zona.

Dopo i saluti introduttivi del sindaco di Dozza Luca Albertazzi e della consigliera delegata al turismo della Città Metropolitana di Bologna Barbara Panzacchi, il convegno entrerà nel vivo con la moderazione di Monica Valeri, responsabile per Apt Servizi del progetto regionale ‘Circuito Cammini e Vie di Pellegrinaggio’, con un intervento incentrato sui ‘Cammini dell’Emilia Romagna come sviluppo turistico del territorio’. Ampio spazio poi ai contributi di Sara Cavina e Sara Zanni, referenti del percorso ‘La Via dei Gessi e dei Calanchi’, e di Nevio Agostini che, dalla direzione dell’Ente di gestione Parchi e Biodiversità della Romagna, posizionerà la sua lente d’ingrandimento su ‘L’Alta Via dei Parchi e la Via del Gesso’. Ma non è tutto. Via libera agli approfondimenti ‘Il Cammino di Sant’Antonio, tappa di Dozza’ con Fabio Strazzari, ‘Il Sentiero del Vino’ con il primo cittadino dozzese Luca Albertazzi, ‘La Ciclovia del Santerno’ con il sindaco di Imola e presidente del Nuovo Circondario Imolese Marco Panieri, ‘Il Sentiero delle Pievi’ con Paolo Busato e ‘Il Cammino dell’Anello’ con Ivan Cavini.

Non meno importante il focus sul comparto turistico. Dal ‘Pubblico e privato: investire nel turismo slow tra cultura e sostenibilità’, a cura di Massimo Feruzzi di Jfc, alle ‘Nuove tecnologie e scenari turistici: presentazione Progetto Polis Eye’ insieme ad Alessandro Seravalli di Geosmart Lab/Sis.Ter. Passando per ‘Le Bandiere Arancioni del Touring Club Italiano: l’entroterra di qualità’ in compagnia di Isabella Andrighetti, responsabile certificazioni e programmi territoriali del Touring Club Italiano.

Conclusioni affidate all’Assessore Regionale Mobilità e trasporti, Turismo e Commercio, Andrea Corsini, prima dell’attesa consegna ufficiale al municipio di Dozza della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano nel cortile della Rocca.

Dopo l’aperitivo presso una suggestiva location messa a disposizione dalla Fondazione Dozza Città d’Arte, a cura dell’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna, via libera (dalle ore 15.30) al ‘Trekking sul Sentiero del Vino’. Una piccola escursione in compagnia di una guida ambientale abilitata attraverso vigneti, cantine, angoli panoramici e piacevoli scorci naturalistici. Il sentiero è arricchito da bacheche informative che narrano interessanti dettagli sul paesaggio, sulla fauna locale e sulla realizzazione dell’acquedotto otto-novecentesco di Dozza. Durante il percorso ci si potrà concedere il piacere di degustare comodamente i vini della zona direttamente presso le tenute vitivinicole che hanno aderito all’iniziativa gratuita. Prenotazione obbligatoria per un massimo di 20 persone (tel. 0542/25413 – info@imolafaenza.it).

“L’organizzazione di un convegno di questa portata a Dozza, grazie anche al contributo significativo della Regione Emilia Romagna, testimonia quanto è stato fatto negli ultimi anni a queste latitudini per ampliare l’offerta turistica attraverso il potenziamento del nostro tessuto sentieristico, gli itinerari ed i percorsi per biciclette ed amanti del trekking – commenta il sindaco di Dozza, Luca AlbertazziEspandere la gamma di quelle proposte turistiche, con grande attenzione a quelle più in voga soprattutto alla luce di quella rivoluzione dettata dal passaggio della crisi pandemica, capaci di soddisfare anche il turista più esigente. L’intento è quello di prolungare le tempistiche di soggiorno nel borgo per più di un giorno sottoponendo ai turisti una programmazione articolata e diversificata”.

E ancora: “Durante il convegno presenteremo la completa panoramica delle proposte. Si tratterà di una bella opportunità di approfondimento per la quale estendo fin d’ora con piacere l’invito alla massima partecipazione – conclude – Un evento che collocherà Dozza ad altissimi livelli su scala regionale, per gli interessanti contenuti turistici e paesaggistici, senza dimenticare quelle nuove tecnologie che nel borgo rimandano all’analisi dei primi dati del sistema di monitoraggio Polis Eye del quale siamo assoluti precursori. La parentesi della consegna della Bandiera Arancione da parte del Touring Club Italiano, infine, sarà un momento storico che vorremmo condividere con tutta la nostra comunità”.