Ogni lingua vale
(©Bologna Metropolitana)

Il progetto è nato nel 2018 per valorizzare la ricchezza del plurilinguismo

Il progetto “Ogni lingua vale”, promosso da Città metropolitana di Bologna e Istituzione Gian Franco Minguzzi, in collaborazione con il Centro Documentazione Interculturale RiESco del Comune di Bologna, torna con una mostra dal 15 al 26 novembre in Biblioteca Salaborsa e tre incontri spettacolo a Bologna, Molinella (2 dicembre) e Castel di Casio (13 dicembre).
Palazzo Malvezzi, venerdì 18 novembre alle 14.40, ospita il convegno con Fernanda Minuz.
A seguire, alle 16.15 (con replica alle 17.30), Kafè, spettacolo di restituzione con le classi 2B e 2C della Scuola Secondaria di I Grado R.L. Montalcini di Bologna.
È richiesta l’iscrizione entro il 17 novembre al link https://bit.ly/3sGP4uQ

In scena la voce dei ragazzi che hanno partecipato alla seconda sperimentazione del progetto che ha coinvolto 102 alunne e alunni con le loro diverse lingue: albanese, arabo, cinese, filippino, inglese, lingala, macedone, malayalam, moldavo, nuer, persiano, rumeno, spagnolo, twi, urdu, wolof, yoruba, oltre all’italiano e i suoi dialetti.

I tre incontri sono inseriti nel calendario delle Settimane pedagogiche e del Festival della Cultura Tecnica.