In bocca al lupo

Appuntamento lunedì 19 febbraio con l’attore romano accompagnato dal musicista Pino Cangialosi

L’auditorium del MAST ospiterà lunedì prossimo, alle 20.30, lo spettacolo teatrale “In bocca al lupo, viva il lupo!” con Massimo Wertmuller, volto e voce di diverse campagne di sensibilizzazione di LNDC Animal Protection, associazione animalista che ha promosso e patrocinato l’iniziativa presso l’auditorium della Fondazione e attiva, da oltre 70 anni, nel portare avanti battaglie per tutelare tutti gli animali. 

“Preoccupati oggi più che mai per la probabile estinzione di questo bellissimo animale, dichiariamo tutti gli animali specie protette, anche dalle fake news, che fanno passare l’antenato del cane come bestia terribile e pericoloso assassino”, afferma l’attore romano, che continua: “Lupo feroce, lupo cattivo, mangiatore di pecore e bambini, attenti al lupo! Ma io dico, piuttosto, attenti all’uomo. Cosa possiamo e dobbiamo fare davanti agli attuali casi di cronaca legati a lupi, orsi e cinghiali? Riprendere, come sta tristemente avvenendo, a sparargli contro? Chiudere tutte le specie in apposite riserve? Ma come ci guardano gli animali? Questo spettacolo vuole portare al pubblico lo sguardo del lupo, che tenterà di rispondere a queste domande”. 

Wertmuller accompagna in un’escursione metafisica, surreale, politica, appassionata e divertente su sentieri della poesia e della storia: inciampa nel mito, media tra pastori antichi e moderni, predatori e prede. Nel suo diario di viaggio c’è la saggezza di Trilussa e quella di Lucrezio, ci sono le sonorità, le musiche, i richiami della natura evocati dalle note e dagli effetti del maestro Pino Cangialosi, in scena insieme all’attore. Alla ricerca del lupo: senza sentieri, mappe e soprattutto pregiudizi. Un viaggio poetico e irriverente per una nuova politica della natura, per tentare di salvare questa nostra civiltà condannata allo sfruttamento della terra e all’autodistruzione.

Dopo lo spettacolo ci sarà un intervento dell’avv. Michele Pezone, responsabile diritti animali dell’associazione animalista, che dialogherà con Wertmuller e farà un breve excursus sulle battaglie che LNDC sta portando avanti per tutelare i diritti degli animali selvatici: l’animale è considerato un essere senziente, ossia capace di provare gioia e dolore, grazie a quanto affermato nel Trattato di Lisbona del 2007, ma nel nostro ordinamento giuridico molti di loro sono ancora oggetti e non soggetti. Cosa prevede oggi la legge? Cosa manca? Il legale e l’attore apriranno poi un confronto con il pubblico.