Latticini
(©Shutterstock.com)

Il Gruppo sarà presente alla più importante fiera internazionale dedicata all’agroalimentare italiano

Granarolo S.p.A. sarà protagonista alla 22^ edizione di CIBUS, la fiera internazionale dedicata al settore agroalimentare italiano più importante al mondo, che si terrà a Parma dal 7 al 10 maggio per promuovere i propri prodotti di qualità all’insegna dell’innovazione, facendo leva sulle eccellenze casearie della tradizione italiana e sulla nuova linea Granarolo Benessere High Protein, che sta riscontrando grandi apprezzamenti in Italia.

Granarolo parteciperà con uno stand (Padiglione 02 – Stand C 044), in cui saranno presentate le gamme e le novità di prodotto più distintive del proprio portafoglio frutto della valorizzazione del latte di filiera disponibili per i mercati nazionale e internazionali, caratterizzate dalla ricerca di elevati standard di servizio, sicurezza e qualità, nonché le novità legate ai nuovi trend di consumo e alle nuove esigenze dei consumatori non più solo italiani.

Focus di questa edizione per il Gruppo saranno i formaggi di eccellenza e le specialità casearie italiane, sia per quanto riguarda i formaggi freschi, in particolare quelli della tradizione pugliese, dove la novità più importante sarà la presentazione in anteprima del nuovo polo produttivo di Gioia del Colle (BA), sia per i duri e DOP come Parmigiano Reggiano, Gorgonzola e formaggi di capra. Recentemente Granarolo ha vinto 9 medaglie alla 35° edizione dei World Cheese Awards, uno dei più importanti eventi mondiali dedicati al formaggio, dove produttori, retailer, buyer e critici gastronomici di tutto il mondo si sono riuniti per giudicare oltre 4.500 formaggi provenienti da 43 paesi, e 6 medaglie al World Championship Cheese Contest 2024 che si è tenuto in Wisconsin.

Tra gli appuntamenti, mercoledì 8 maggio si terrà uno showcooking con lo chef stellato Gennaro Esposito, che interpreterà alcune ricette per valorizzare al meglio i prodotti Granarolo. Sarà questo la prima di una serie di appuntamenti nel contesto di una collaborazione tra il rinomato chef e Granarolo, che prevede anche altre attività nel corso dell’anno.