Giornata nazionale salute donna

L’assessore Donini: “Da sempre impegnati su questi temi, con iniziative e progetti per il target femminile”

Compagne, mogli, madri, figlie, sorelle. Così impegnate quotidianamente nel proprio lavoro e, al tempo stesso, a svolgere lavori di cura verso chi le circonda, che spesso tralasciano – o rimandano – di prendersi cura di sé stesse.

Un tema, questo, su cui punta l’attenzione la Giornata nazionale della Salute della Donna, che ricorre oggi, 22 aprile. Istituita dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, è giunta alla sua sesta edizione: numerosi gli appuntamenti dedicati alla prevenzione, alla cura e all’assistenza in Emilia-Romagna, che da anni è all’avanguardia con iniziative e progetti per il target femminile, a partire dagli screening oncologici. 

“L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo da più di un anno non può farci dimenticare quest’importante appuntamento, istituito nel 2015 per sensibilizzare le donne sul tema della salute e della prevenzione – commenta l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele DoniniPur nella consapevolezza che si può sempre migliorare, vorrei però sottolineare l’orgoglio per tutto ciò che il nostro sistema sanitario ha messo e continua a mettere in campo per la salute femminile e per i risultati ottenuti in questi anni. Cito un dato, su tutti: l’aspettativa di vita delle donne emiliano-romagnole, che supera gli 84 anni e mezzo, un indicatore a cui la sanità contribuisce in maniera determinante”.

Dagli spazi per la consulenza sull’affettività alla presa in carico ginecologica, al sostegno dell’intero percorso in gravidanza: da Piacenza a Rimini, è attiva una robusta rete di consultori, la cui attività abbraccia tutto l’arco della vita sessuale e riproduttiva femminile.  

Inoltre, per facilitare le donne nell’accesso alle informazioni e nell’utilizzo dei servizi, e per comprendere e vivere in modo consapevole la gravidanza e il parto, la Regione ha attivato dallo scorso anno l’app “Non da Sola”: uno strumento che permette di individuare, grazie al servizio di geolocalizzazione, le sedi dei Consultori e dei Punti nascita più vicini.

Attraverso “Non da Sola” è possibile consultare la Cartella della gravidanza della Regione, che fornisce indicazioni e approfondimenti sul Percorso nascita, e visualizzare sulla base del trimestre di gravidanza l’assistenza offerta, i controlli e gli esami proposti. A breve verrà introdotta anche la Cartella del neonato.