Inglese
(©Shutterstock.com)

Quasi 13mila i bambini che partecipano al progetto pilota realizzato dalla regione in collaborazione con l’Università di Bologna

Avvicinare i più piccoli alle sonorità della lingua inglese già dai primi anni di vita attraverso il gioco, la musica e l’attività quotidiana. È il progetto sperimentale “Sentire l’inglese”, che la Regione Emilia-Romagna sta realizzando in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna e coinvolge oltre 300 strutture, tra asili nido e scuole dell’infanzia, da Piacenza a Rimini.  

A questo tema è dedicato l’approfondimento “Ready, steady, Go! L’inglese si impara al nido” a cura dell’Agenzia di Informazione e comunicazione della Giunta regionale online da oggi sul sito della Regione a questo link  

Per descrivere il programma, le interviste a Monica Badini educatrice del Nido Mazzoni di Bologna, che illustra dal vivo come funziona concretamente, e a Licia Masoni, direttrice del progetto e professoressa presso il dipartimento Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, che spiega quali sono le premesse scientifiche e i vantaggi per i bambini. La testimonianza di una mamma su come le famiglie hanno accolto questa proposta didattica conclude l’approfondimento.