Bimbi asilo
(Shutterstock.com)

Sono 712 in totale i posti attivi nei nidi, di cui fino a 357 quelli disponibili per i bambini che si iscriveranno per la prima volta

Dal 15 aprile al 3 maggio 2024 saranno aperte le iscrizioni per il prossimo anno educativo che partirà a settembre, per i bambini nati dall’1.01.2022 al 25.04.2024, che si iscrivono per la prima volta al nido d’infanzia. Le iscrizioni, nello specifico, riguardano i Nidi d’Infanzia comunali e i Nidi d’Infanzia e Piccoli gruppi educativi convenzionati.

Per agevolare le famiglie, il bando, con la documentazione allegata, compresa la domanda di iscrizione, è pubblicato nel sito del Comune: https://www.comune.imola.bo.it/scuola-formazione/

È anche possibile prenderne visione, al Servizio Infanzia (via Pirandello n.12); ai Servizi per il cittadino – URP (Sala Miceti, Piazzale Ragazzi del ’99 – 2° piano), e dai gestori dei nidi d’infanzia e PGE (piccoli gruppi educativi) convenzionati. Per quanto riguarda l’iscrizione, come sopra ricordato, le domande saranno accolte dal 15 aprile al 3 maggio 2024, entro le ore 20 sia in modalità online (da preferirsi), www.comune.imola.bo.it/iscrizioniscuole, che di persona, in assenza di strumenti informatici, esclusivamente su appuntamento, da prenotare online alla pagina www.comune.imola.bo.it/scuola-formazione

L’elenco dei servizi educativi è indicato nel bando d’iscrizione ed è visionabile sempre sul sito sopra indicato.

L’ufficio iscrizioni del Comune e il coordinamento pedagogico restano sempre a disposizione delle famiglie per qualsiasi richiesta di chiarimento, ciascuno per le rispettive competenze.

I genitori potenzialmente interessati al servizio (cioè tutti quelli con bambini nati dall’1.01.2022 al 25.04.2024 e non ancora iscritti al nido) stanno già ricevendo in questi giorni una lettera con le informazioni essenziali per l’iscrizione. In sostanza, nella domanda d’iscrizione i genitori potranno indicare, in ordine di preferenza, tutti i servizi a cui possono essere interessati, senza distinzione di gestore o tipologia e senza restrizione di stradario (come invece avviene per gli altri ordini di scuola). In questo modo, alla fine della raccolta delle domande, sarà possibile identificare quella distribuzione dei posti tra le varie sedi che garantisce il massimo dell’accoglienza delle domande stesse e di ridurre il più possibile eventuali liste d’attesa.

La graduatoria sarà stilata sulla base di criteri che tengono conto sia degli impegni di cura dei genitori oggettivamente rilevabili (lavoro, numero dei figli), sia di particolari condizioni soggettive di disagio e rischio di esclusione sociale.

“Tutto è pronto per l’avvio del nuovo anno educativo 2024/2025. Molti i posti a disposizione delle famiglie, con la conferma dei 33 nuovi posti aggiunti da gennaio 2023, finanziati dalla Regione attraverso il Fondo sociale europeo, per un’offerta complessiva per le nuove iscrizioni di 357 nuovi posti – sottolinea Fabrizio Castellari, vice sindaco con delega alla Scuola -. Questo servizio è molto apprezzato dalle famiglie imolesi. Oramai è dimostrato e comprovato che frequentare i nidi d’infanzia rappresenti un percorso che arricchisce la formazione di ogni bambino e bambina. Questa consapevolezza fa sì che la domanda abbia raggiunto il 50% dei bambini in età, percentuale che cresce al 60% nella fascia tra 24 e 36 mesi. La qualità del servizio offerto a Imola certamente favorisce l’affluenza, proprio mentre ci avviciniamo ai 50 anni da quando è stato aperto il primo servizio di nido comunale, nel 1976”.

Sono 712 in totale i posti attivi nei nidi, di cui 357 quelli disponibili per i bambini che si iscrivono per la prima volta – Sono 712 i posti in totale nei nidi, di cui 357 quelli disponibili per i bambini che si iscrivono per la prima volta al nido (i restanti posti fino a 712 restano occupati dai bimbi già iscritti e che continuano). I 712 i posti in totale nei nidi sono cosìdistribuiti

  • 333 posti attuali nei nidi comunali (Campanella; Fontanelle; Piazza Romagna; Primavera (Zolino); Scoiattolo e Sesto Imolese) compresa la microsezione di 6 bambini inseriti nella scuola comunale dell’infanzia di Sasso Morelli;
  • 299 posti attuali nelle strutture convenzionate (nidi e PGE);
  • 80 posti ulteriori nei servizi regolarmente autorizzati, ma gestiti in autonomia da soggetti privati.

All’interno di questo sistema, i nidi comunali mantengono la funzione di punto di riferimento per la qualità e di strumento per l’attuazione delle politiche per l’infanzia perseguite complessivamente dall’Amministrazione comunale. Per questo motivo, l’offerta dei nidi comunali resta maggioritaria nel sistema misto. I privati contribuiscono anche con tipologie non presenti nell’offerta comunale, nidi di dimensioni più ridotte e Piccoli Gruppi Educativi, entrambe opportunità gradite ad una parte dell’utenza. Di contro, i servizi comunali offrono posti o sezioni part-time (7.30-14.15, invece che 7.30-17.00), tipologia non presente nei servizi convenzionati.

“I servizi comunali rimangono il riferimento di un’offerta che è cresciuta molto bene, anche nell’integrazione fra pubblico e privato. C’è una sinergia molto positiva fra il Comune ed i gestori convenzionati e questa relazione positiva garantisce numeri e qualità in crescita. Tra l’altro, cresce il lavoro di squadra nel Tavolo di confronto 0/6, nato per promuovere il rafforzamento del sistema integrato 0/6, che riunisce tutti i gestori dei servizi e che rappresenta un ulteriore valore aggiunto nelle proposte. Proprio nei giorni scorsi si è svolto un momento formativo, dal titolo “0-6 dove sei? Bambini e bambine come ponti pedagogici”, che ha visto coinvolte tutte le educatrici e gli operatori dei servizi 0/6 impegnati ogni giorno in tutta la città, per preparare al meglio la partenza dell’anno educativo 2024/20245″ conclude Fabrizio Castellari.