Imola-banco-alimentare
La visita del sindaco Marco Panieri e della vice presidente della Regione Emilia Romagna, Elly Schlein, alla sede del Banco Alimentare (Fonte Ufficio Stampa Comune di Imola)

L’incontro si è svolto in occasione della prima Giornata internazionale di sensibilizzazione sulla perdita e lo spreco di cibo promossa dalla FAO

Ieri, 29 Settembre, la vicepresidente della Regione Emilia Romagna ed assessore al Welfare, Elly Schlein, accompagnata dal sindaco di Imola, Marco Panieri, ha fatto visita al centro logistico della Fondazione Banco Alimentare dell’Emilia Romagna, che ha la sua sede regionale a Imola.

Ad invitare Elly Schlein e Marco Panieri è stato il presidente della Fondazione Banco Alimentare dell’Emilia Romagna, Stefano Dalmonte.

“La visita della vicepresidente della regione Elly Schlein è stata l’occasione per testimoniare il forte apprezzamento delle istituzioni per il prezioso lavoro svolto quotidianamente dal Banco Alimentare. Un impegno che è stato ancora più rilevante nella difficile fase dell’emergenza Coronavirus nel corso della quale è stato dato sostegno ad un numero crescente di persone e famiglie messe in grave difficoltà dalle ripercussioni dell’emergenza stessa” ha spiegato il sindaco di Imola, Marco Panieri.

“Da tempo conosco l’impegno del Banco Alimentare che, con il suo supporto alle organizzazioni benefiche convenzionate che si occupano di assistenza alle famiglie più in difficoltà, fornisce davvero un contributo determinate alla tenuta del tessuto sociale della nostra comunità. Per questo il Comune continuerà ad essere al fianco di questa importante realtà che proprio ad Imola ha la sua sede regionale” ha concluso il sindaco Panieri.

A livello regionale, Banco Alimentare supporta circa 750 organizzazioni facendo arrivare aiuti alimentari in modo capillare a circa 120.000 persone. Nel 2019 ha distribuito 8.000 tonnellate di alimenti, equivalenti a 16 milioni di pasti donati gratuitamente.

L’aumento delle richieste di aiuto a partire da marzo 2020, a causa dell’emergenza Covid-1, si è attestato tra il 15 e il 25%.