Giorno della memoria 2022

Giovedì 27 scuole, Comune e associazioni insieme per non dimenticare

Proseguono le iniziative organizzate e promosse dal Comune di Imola e da altri enti, associazioni e scuole in occasione del 27 gennaioGiorno della Memoria”, cominciate nei giorni scorsi. In particolare, giovedì 27 gennaio gli eventicominciano alle ore 10,30, in Vicolo Giudei, con la deposizione di una corona alla lapide in ricordo delle persecuzioni razziali. Alla cerimonia partecipano, fra gli altri, il sindaco di Imola, Marco Panieri, autorità civili, militari e religiose della città e rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle Associazioni d’Arma e Partigiane.

Gli studenti dell’I.C. 6 e dell’I.C. 7 protagonisti a teatro – Si prosegue dalle ore 11 alle ore 12, al Teatro comunale ‘Stignani’,in diretta streaming,con iragazzi e le ragazze della Scuola Secondaria “Andrea Costa”, dell’I.C. 6, che presentano un lavoro teatrale costituito da tre Storie di Memoria ed una storia di oggi, sulla difficile situazione delle donne in Afghanistan e sui Diritti a loro negati. Regia della prof.ssa Maria Di Ciaula con il coinvolgimento della prof.ssa LoredanaGrasso e della prof.ssa Valentina Domenicali per le scelte musicali (diretta streaming pagina facebook del Teatro Ebe Stignani e  canale youtube del Comune di Imola).

Sempre al Teatro comunale ‘Stignani’, dalle ore 16 alle ore 17 in diretta streaming,saranno di scena i ragazzi e le ragazze della scuola secondaria “Luigi Orsini”, dell’I.C. 7 che presentano un lavoro teatrale, riadattamento dal libro “Lasciami andare, madre” di Helga Schneider (Adelphi). Regia di Reina Saracino; docenti collaboratori prof.sse Elisa Camaggi e Anna Garbesi; direttore Orchestra Orsini prof.ssa Paola Tarabusi  (diretta streaming pagina facebook del Teatro Ebe Stignani e  canale youtube del Comune di Imola)

Dalle ore 16 alle 19, inoltre, è convocato il Consiglio comunale straordinario, in streaming, dedicato al Giorno della Memoria (diretta streamingsu https://imola.civicam.it e canale facebook del Comune di Imola). La seduta sarà aperta dalsaluto del sindaco Marco Panieri, del presidente del Consiglio comunale Roberto Visani e del vicepresidente Nicolas Vacchi. Interverranno Marco Orazi del Cidra, curatore della mostra “La libertà negata. Imolesi a Mauthausen”, allestita nell’androne del palazzo comunale, fino a giovedì 3 febbraio.

Seguirà la visione del documentario “Viaggio nella banalità del male. I campi nazisti di Mauthausen e Bolzano dalle voci dei deportati imolesi”, il documentario di Marco Carroli (Kam), prodotto dall’Aned Imola, che racconta, attraverso le parole di Augusto e Franco Dall’Osso, Virginia Manaresi e Vittoriano Zaccherini, l’esperienza concentrazionaria di quattro partigiani imolesi nel Durchgangslager di Bolzano e nel KL di Mauthausen in Austria, uno dei più duri del Terzo Reich. Il documentario, il cui coordinamento scientifico è di Marco Orazi del Cidra, tratteggia anche una breve storia della sezione Aned imolese.

Dopo la visione del documentario, interverrà il vicesindaco e assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari. Saranno poi trasmesse le esperienze degli studenti delle scuole secondarie imolesi andate in scena al teatro comunale ‘Stignani’ al mattino e al pomeriggio. Farà seguito l’esibizione della formazione Juniores della Filarmonica imolese, prima degli interventi dei Gruppi consiliari.

Come spiega Roberto Visani, presidente Consiglio comunale: “questo giorno ci ricorda di quali atrocità può essere capace il genere umano quando prevale il virus del fanatismo della discriminazione e del l’odio. Si tratta di un virus che non possiamo mai considerare definitivamente sconfitto. E’ per questo che anche oggi a tutti i livelli, nelle Istituzioni, nella scuola, nella società ci sentiamo impegnati per promuovere una società fondata sul rispetto della dignità di ogni persona umana”.

Infine, a chiudere la giornata, alle ore 19, in Vicolo Giudei, si svolgerà un Momento di preghiera organizzato dall’Azione Cattolica della Diocesi di Imola, di fronte alla lapide posizionata in Vicolo Giudei, aperto a tutta la comunità imolese (informazioni: www.acimola.it www.facebook.com/acimola).

Le iniziative organizzate in occasione del 27 gennaioGiorno della Memoria” proseguiranno fino al 9 febbraio.

“Voglio ringraziare le scuole e le realtà e associazioni culturali del territorio, oltre che i vari servizi dell’Amministrazione comunale che anche quest’anno, pure in un contesto ancora complicato dalla pandemia, hanno voluto e saputo organizzare un articolato programma di iniziative per celebrare il ‘Giorno della Memoria’. Il dovere morale, oltre che istituzionale, di ricordare a quali tragedie dell’umanità possano portare l’odio, l’intolleranza, il razzismo e l’indifferenza è stato più forte dello scoramento che in questi difficili momenti può spegnere la voglia di organizzare eventi. La fiducia nella parte migliore dell’uomo, il desiderio di ricordare, la passione civile per i valori della pace, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, della tolleranza hanno fatto in modo che anche quest’anno potessimo non dimenticare quegli errori ed orrori della storia, per fare sì che continuino a svilupparsi in noi gli anticorpi necessari affinché simili tragedie non accadano mai più” sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura.