Bologna Palazzo Accursio Municipio
(©Claudio Caridi/Shutterstock.com)

Premiato il progetto bolognese di realizzare la Casa digitale del cittadino

Il Dipartimento della Funzione Pubblica, nella categoria Attuazione dell’Agenda Digitale, Regione Piemonte per le Agende Digitali Regionali, Comune di Bologna per le Agende Digitali degli Enti Locali, e SistemEvo srl, per l’Imprenditorialità al servizio della PA. Sono questi i vincitori della settima edizione dei Premi Agenda Digitale promossi dall’Osservatorio Agenda Digitale* della School of Management del Politecnico di Milano, che assegna tali riconoscimenti per valorizzare e diffondere le buone pratiche di digitalizzazione.

I Premi hanno lo scopo di sostenere la cultura dell’innovazione digitale nel nostro Paese, generando meccanismi di condivisione delle migliori esperienze di attuazione dell’Agenda Digitale e dando visibilità alle PA più innovative, oltre a contribuire ai processi di ricerca tramite la raccolta strutturata di evidenze empiriche. Anche quest’anno si è deciso di puntare su quattro categorie, oltre alle tre tradizionali (Attuazione dell’Agenda Digitale, Agende Digitali Regionali e Agende Digitali degli Enti Locali), da alcuni anni vengono premiate anche le startup e le PMI innovative che collaborano con le PA, nella categoria Imprenditorialità al servizio delle PA.

Sono 56 le candidature analizzate a fine 2021 dal team di ricerca dell’Osservatorio, sulla base di sei criteri di valutazione. Dopo un’attenta valutazione sono stati individuati 12 progetti finalisti, tre per categoria, esaminati da una Giuria composta da 43 esperti e sottoposti al voto del pubblico durante il convegno dell’Osservatorio Agenda Digitale per il verdetto finale dei 4 vincitori.

“Spesso si pensa ad una Pubblica Amministrazione immobile, ferma nel passato. I progetti premiati dimostrano invece come ci siano tanti soggetti, a tutti i livelli della Pubblica Amministrazione, al Nord, al Centro, al Sud, proiettati nel futuro e impegnati nello sviluppo dell’Agenda Digitale italiana – afferma Luca Gastaldi, Direttore dell’Osservatorio Agenda Digitale – Tanti progetti che è giusto valorizzare e mettere in rete. Solo collaborando Pubblica Amministrazione, enti di pubblica utilità, imprese e startup, possono contribuire in modo efficace alla diffusione della digitalizzazione del nostro Paese”.

Il Comune di Bologna è il vincitore della categoria “Agende Digitali degli Enti Locali” con il progetto “Nuova rete civica”. Si tratta di un progetto che negli ultimi anni ha impegnato tutta la struttura del Comune attorno all’obiettivo di realizzare la Casa digitale del cittadino. Si è investito nell’integrazione con le piattaforme abilitanti nazionali (PagoPA, Spid, etc) e nell’interoperabilità tra i sistemi della Pubblica Amministrazione per avere così una piattaforma adottabile in tutto o in parte dai singoli comuni e dalle Unioni di Comuni. Il principale obiettivo è stato quello di creare un punto unico di accesso pensato in un’ottica di territorio metropolitano, attraverso il quale il cittadino può controllare e aggiornare i propri dati, accedere a servizi integrati della PA e ricevere segnalazioni e notifiche da parte della Pubblica A rispetto al proprio profilo di interesse. Sul podio, in questa categoria, anche il Comune di Piacenza, con il progetto “Sportello Telematico Polifunzionale” e la Camera di Commercio di Cosenza, conil progetto “Diamoci una mano”.