Terzini Galleria Cavour 1959
(©Ufficio Stampa Galleria Cavour 1959)

Sino all’8 febbraio sarà possibile ammirare l’installazione dell’artista milanese Pietro Terzini

Care when/ they don’t/ Chase a dream/ Love beyond/ Stay strong/ Live free/ I’ll be here/ any time. Dal 19 dicembre una scritta luminosa in verticale campeggia sulla facciata di Galleria Cavour 1959 a Bologna. Parole dell’artista milanese Pietro Terzini che invitano a prendersi cura dell’altro anche se gli altri non lo fanno, a inseguire i propri sogni, a essere forti e allo stesso tempo ad amare e vivere liberi.

A cura di Galleria Cavour 1959 l’installazione realizzata da Visivalab vuol lanciare un messaggio universale che tiene conto del site specific bolognese. Galleria Cavour 1959 da sempre spazio di ritrovo e di vita, di flusso per la città, con questa installazione “parla” direttamente a chi la frequenta attraverso la frase che da anche il titolo all’opera “I’ll be here/ any time”. Una chiusa che esprime il carattere di un luogo da sempre solido punto di riferimento per la città, metafora di quel sostegno che ognuno di noi nella vita cerca attraverso i propri affetti.

“Il messaggio da me scritto è un invito a vivere appieno ogni giorno senza paura, inseguendo i propri sogni, sapendo che possiamo sempre contare sull’appoggio delle persone a noi care” afferma Pietro Terzini che approda per la prima volta a Bologna con una delle sue opere iconiche .

Un lavoro, il suo, che spazia dal digitale alla fine art, passando per la street art. Al centro della sua arte c’è infatti il mondo contemporaneo in cui la moda gioca un ruolo centrale insieme al capitalismo, al consumismo e all’amore nell’era dei social media. L’artista collabora con alcuni dei più importanti brand del mondo, tra cui Nike e Tod’s, e ha esposto le sue opere in Italia, Svizzera e negli Stati Uniti.

L’installazione, visibile ogni sera all’imbrunire (dalle 17 alle 24), accende l’attenzione di tutti sul bisogno di pace e cura – dell’ambiente e delle persone – in un momento che vede anche tante guerre in corso. Invia un messaggio di amore universale da un luogo che trasmette equilibrio anche con l’eleganza dei suoi allestimenti floreali che rispettano l’ambiente secondo i criteri Cam (criteri ambientali minimi).

Galleria Cavour 1959 è fiera di annunciarvi l’inedita collaborazione con Pietro Terzini, artista iconico nel panorama artistico contemporaneo – afferma Paola Pizzighini Benelli, Ad di Magnolia Srl -. Pietro, con la sua firma distintiva e la sua street art, ha sapientemente interpretato i codici fondamentali di Galleria Cavour 1959, che nel suo essere opera architettonica razionalista è sempre stato l’autentico punto di ritrovo della città. L’arte di Pietro riesce in modo straordinario a connettere le generazioni e a farle riflettere su palazzi iconici nelle nostre realtà urbane, incarnando l’essenza dinamica di Galleria Cavour 1959.  Questa collaborazione, che continuerà anche per tutto il periodo di ArteFiera, testimonia il nostro impegno nel portare avanti tradizioni e valori, mentre abbracciamo l’arte contemporanea che riflette la vitalità della nostra visione per il futuro. Terzini – conclude  l’Ad di Magnolia – è una delle personalità artistiche più irriverenti e amate dei social network e dalla Generazione Z. Questo suo messaggio è perfettamente allineato e coerente con la visione di Galleria Cavour 1959, sin dalla sua nascita luogo di incontro al centro di Bologna che sempre di più vuol unire arte, moda e sostenibilità in progetti che si distinguano per una continua ricerca di valori condivisibili e universali”

Una sperimentazione aperta che ha portato quest’anno alla realizzazione e al successo di mostre come quella di Flavio Favelli, “Bologna Modernissima”, rassegne sulla storia della moda come “I vestiti delle star. Abiti dalla collezione Cecilia Matteucci Lavarini” fino all’esposizione nel trivio del “Terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto, opera simbolica che rappresenta le qualità che ispirano Galleria Cavour 1959: responsabilità verso noi stessi, l’Altro e la natura cui apparteniamo.